Novembre 2015: dove investire?

Per l’appartamento che ho visto sabato il proprietario vuole 102.000 euro.
Purtroppo vedo pochi margini di trattativa, se dovessi fare un’offerta, gli direi 95.000 euro, ma sono troppi perche’ tra imposte di registro e notaio, supero i 100.000 euro.
Si affitterebbe tranquillamente a 500 euro, e’ vero, percio’ la rendita lorda e’ intorno al 5-6 %.

La rendita netta dipende se compro cash o con mutuo.
Ovviamente con una rata del mutuo da pagare la rendita netta viene dimezzata. Sarebbe intorno al 2%.

Un po’ pochino considerati i rischi legati alla gestione di un inquilino.

Oggi sono andato a vedere un altro appartamento, un po’ piu’ grande , ma sempre in centro paese.
Stavolta c’e’ di mezzo l’agenzia immobiliare.
Il proprietario vuole 89.000 euro e sarebbe da ristrutturare.
A questo prezzo , mi costerebbe piu’ di 100.000 euro tra agenzia, imposte, notaio e lavori da fare.
L’agente immobiliare mi ha detto che il prezzo e’ trattabilissimo, si potrebbe scendere fino a 70.000 euro.
Read more »

Conviene ancora cercarsi un posto di lavoro fisso?

L’entusiasmo delle scorse settimane di Renzi e Padoan (rispettivamente presidente del consiglio e ministro dell’economia) per le proiezioni positive del PIL italiano dei prossimi 3 anni e’ stato sommerso dai recenti fatti di Parigi.

Questo e’ il ‘rumore’ di fondo che ci distrae.

Ripresa, jobs act…rumore rumore…e intanto…
Il jobs act.
Me lo sono andato a leggere, consente alle imprese che assumono a tempo indeterminato, sgravi contributivi per i primi 3 anni.

Solo 3 anni di sgravi a partire da oggi, fino al 2018 . E poi ? Cosa succedera’ ?

Bad bank, bail in…parole che si sentono in questi giorni.

Banca Marche, Banca Etruria & c gia’ fallite, ma salvate con decreto legge …di DOMENICA !

Non mi pare sia successa la stessa cosa quando c’erano in gioco i posti di lavoro di Fiat, Electrolux, ecc.
E poi dicono che il parlamento italiano non funziona…funziona eccome quando si tratta di salvare le banche.

Allora ricapitolando :

Prima vengono le banche, poi viene il governo, poi le aziende e infine i cittadini.

Conviene ancora cercare un posto di lavoro fisso?

Bigliettino :)

Oggi io e mia moglie siamo andati a comprare qualche vestitino per nostro nipotino in una nota catena di abbigliamento.

Al pagamento, la cassiera ci ha dato un bigliettino contenente una frase :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ esattamente il mio pensiero di questi giorni, sembra fatto apposta…

Investimenti immobiliari: ecco cosa ho fatto oggi

Sentito la banca, mi finanziano il 100% di valore di aggiudicazione dell’asta.

Mi danno anche un secondo mutuo fino a 60.000 euro per l’acquisto di un monolocale.

Contattato un venditore di un monolocale : domani vado a vederlo.
Prezzo un po’ altino, 105.000 euro , ma lo vendono compreso di mobilia e condizionatore, sta in una zona vicino a casa mia che conosco bene, ed e’ in centro paese. Zona servitissima e a 5 min dalla metropolitana.

Si affitta a 500 euro/mese, quindi 600o euro/anno. Rendita lorda 5,7%.
Sfruttero’ l’occasione anche per riprendere la mano con le trattative, per vedere cosa offre il mercato immobiliare locale.

Se non vedo margini per abbassare il prezzo, passo alla prossima opportunita’.

Sogni, liberta’ finanziaria e ricchezza: webinar?

Alla luce degli ultimi fatti successi a Parigi, vedo una follia collettiva…

Io continuo invece a pensare a come crearmi la vita che voglio (non necessariamente in Italia…) e a come diventare ricco e libero finanziariamente.

Ultimamente nel blog ci sono stati alcuni spunti di discussione interessanti con i lettori.

Mi piacerebbe organizzare un webinar per conoscerci meglio e creare un gruppo di discussione su temi come sogni, liberta’ finanziaria e ricchezza.

Investimenti immobiliari: prezzi dei monolocali crollati rispetto al 2014!

Investimenti immobiliari : sto guardando i prezzi dei monolocali in alcuni paesi vicino a dove abito.
Ho notato un crollo rispetto all’anno passato.

Un anno fa stavano sui 90-100K, ora vengono messi in vendita a 70-80K !

Da un paese all’altro (tra quelli che ho selezionato) c’e’ una differenza di ben 700 euro/mq

Se il grafico a nido d’ape non sbaglia, alla ripresa delle compravendite che e’ in atto, seguira’ un aumento dei prezzi.

Quando questo avverra’ non si sa: dipendera’ principalmente dall’occupazione e dal credito.

Oggi pomeriggio credo che andro’ in perlustrazione a vedere di persona :)

Diventare ricco

E’ sera.

Ho appena terminato di leggere il libro di Kyiosaki ‘What the rich invest in’, quello in cui investono i ricchi.

Come si diventa ricchi ?
Che cosa vuol dire diventare ricco ?

Piu’ parlo alla gente di come voglio diventare ricco, piu’ scopro che alla gente non gliene frega niente.
Ci sono rimasto un po’ male, pensavo che la gente non vedesse l’ora di sapere come avere talmente tanta ricchezza da non sapere dove metterla.

Invece alcuni mi criticano, altri mi snobbano, altri mi ascoltano dopodiche’ tornano a fare quello che stavano facendo.
Potresti pensare che non mi piacciono le critiche invece me le aspetto e mi piacciono pure.
Piuttosto rimango stupito dall’indifferenza delle persone rispetto alla ricchezza.
Read more »

Cosa farei se mi trovassi senza soldi ?

Da qualche giorno non ho piu’ soldi sul conto corrente.
Ma proprio niente, zero di zero.

A Ottobre ho avuto delle spese importanti che non potevo rinviare.
Queste spese sono state nettamente superiori alle entrate e hanno finito per prosciugare il conto corrente.

La tentazione era quella di prelevare dal conto deposito, ma ho pensato che questa poteva essere l’occasione per mettermi alla prova senza rischiare nulla.
Mettermi alla prova sulla mia capacita’ di stare a galla, mettermi alla prova sulla mia capacita’ di creare rendite senza usare denaro mio.

Volevo capire come ci si sente a stare senza denaro e con le spese che incombono.

Cosa farei se mi trovassi senza soldi ?

Read more »

Perche’ nel 2015 e’ meglio smettere di lavorare

Perche’ nel 2015 e’ meglio smettere di lavorare?

Provo a spiegarlo con quello che sta succedendo in questi giorni.

Ieri hanno diffuso i dati sulla disoccupazione.

-35.000 disoccupati

Renzi: “Il jobs act ha creato opportunità e posti di lavoro stabili. L’Italia riparte”

Poi a margine hanno detto che ci sono ANCHE :
- 36.000 OCCUPATI (il jobs act ha creato posti di lavoro?)
+ 53.000 INATTIVI (il jobs act ha creato opportunita’?)
Il tasso di senza lavoro tra i giovani tra i 15 e i 24 anni cala al 40,5%.

Cioe’ il 40% dei giovani (cioe’ quelli che hanno piu’ energie, idee e forza) e’ senza lavoro !

Io mi chiedo, dove la vedono l’Italia che riparte ?
E soprattutto : conviene ancora cercare un lavoro da dipendente nel 2015 ?
In questi giorni sono apparse altre due notizie :

“Deutsche Bank choc: taglierà 26mila posti in 10 paesi nel mondo”
L’Italia per fortuna verra’ risparmiata. (Il Giornale)

“Nell’aggiornamento del piano industriale al 2018 Unicredit potrebbe presentare 12 mila esuberi”
L’Italia dove sarebbe allo studio la vendita della divisione leasing, dovrebbe essere coinvolta con 2700 uscite già previste dal precedente piano e con prepensionamenti volontari, anche se non sono da escludere ritocchi. (La Stampa)

I posti di lavoro continuano a diminuire, ma ci dicono che son riusciti a crearli !
Inoltre continuano a buttare soldi nel sistema finanziario.
Questo denaro non raggiunge l’economia reale perche’ le banche lo usano solo per speculare al ribasso sui titoli di stato (i rendimenti negativi delle obbligazioni ne sono la prova).

Le persone non spendono perche’ hanno pochi soldi da spendere, e la base di quelli che prima poteva spendere, si sta riducendo (-36.000 occupati e +53.000 inattivi), facendo scomparire la classe media, che una volta era quella che trainava i consumi.

Questa economia non funziona.

Nel 2015 e’ meglio smettere di lavorare come dipendenti.
Se uno vuole puo’ continuare a farlo, con contratti precari e pagati miseramente, ma non c’e’ nessuna prospettiva di costruirsi un futuro lavorando per le aziende.
Inoltre non e’ piu’ conveniente visto che a fronte di 18-20 anni dedicati a ottenere un titolo di studio, bisogna esser pagati 1000 euro al mese e senza una prospettiva di avere un’occupazione per 30 anni e crescere professionalmente o ambire a un aumento di stipendio.

Oggi rende molto di piu’ studiare per i fatti propri e costruirsi un patrimonio per la propria vecchiaia.

Liberta’ finanziaria Ottobre 2015: Rendite record

Ottobre 2015 si chiude con le mie rendite mensili che hanno raggiunto il loro record: 1301 euro.

Una cifra mai raggiunta prima d’ora dalla mia ‘azienda’ famiglia.
Ecco l’andamento delle rendite da gennaio ad oggi.

L’aspetto che mi piace di piu’ di questo risultato e’ che col tempo siamo riusciti a costruire diverse rendite: l’affitto delle due case, il conto deposito e un investimento che mia moglie ha fatto anni fa con le poste.
Questo fa si’ che non siamo dipendenti da una sola fonte di entrata, e quindi siamo meno vulnerabili nel caso una di queste venisse a mancare.
Ovviamente le rendite piu’ cospicue derivano dagli affitti dei due immobili, che costituiscono il 92% del totale.

Purtroppo,nonostante le rendite record, l’indice di liberta’ finanziaria questo mese non va oltre il 49% poiche’ paga lo scotto delle tasse sugli affitti (cedolare secca), che sto pagando da agosto e che terminera’ col mese di novembre.

Passato novembre iniziero’ a vedere gli effetti della surroga del mutuo, che diminuira’ le mie uscite di oltre 300 euro mensili.

Quindi da dicembre non avro’ piu’ 500 euro di cedolare secca e 300 euro di rata del mutuo.
Rispetto all’anno scorso sono in perfetta parita’ con la liberta’ finanziaria : 45%.

Mancano due mesi alla fine dell’anno, ce la faro’ a fare meglio dell’anno scorso?

Poste italiane e IPO: tanta carta sprecata

Ogni volta che mi faccio un bonifico sul c/c delle poste, queste mi spediscono via posta un foglio con i dati del bonifico.
Un foglio per me inutile.

Ho chiesto se potevo evitare di ricevere tutta questa carta, mi hanno detto di no.
Mi chiedo come faccia una societa’ nel 2015 a sprecare cosi’ tanta carta e denaro…

E poi si mettono a fare IPO e a quotarsi in borsa.

Tanto pagheranno i piccoli risparmiatori, come sempre…

Chi ti insegna a diventare ricco?

A scuola ti insegnano matematica, italiano, storia e geografia.
Fuori dalla scuola ci sono corsi per tutti i gusti.

Ma chi e’ che ti insegna a diventare ricco ?

Nessuno.

Anche i corsi che si presentano con questo obbiettivo, sono condotti da persone che ricche non sono.
Non solo, il loro vero obbiettivo e’ guadagnare dal corso.

Dunque la domanda si ripropone : chi e’ che ti insegna a diventare ricco ?

Nessuno.

Io una risposta ho cercato di darmela e ho capito che me la devo cavare da solo, studiando sui libri, imparando da chi e’ davvero diventato ricco, sperimentando sulla mia pelle e imparando dai miei e dagli altrui errori.

Investimenti azionari: errori da non commettere

Ultimate le operazioni di ottimizzazione delle spese, la mia attenzione e’ ritornata su una domanda : come posso espandere o crearmi nuovi asset e nuove rendite ?
Ho ripreso in mano la simulazione di investimento azionario che iniziai esattamente il 9 aprile 2015, quando mi trovai ad avere molta liquidita’ che mi pareva sprecata tenere su un conto deposito.
Allo stesso tempo mi accorsi che non sapevo assolutamente nulla di azioni.
Decisi percio’ di investire il mio tempo studiando questo settore.
Impiegai altresi’ parte del mio tempo per fare prove ed esperimenti senza peraltro investire un solo centesimo di euro reale.

Sul sito del sole 24 trovai uno strumento che faceva al caso mio.
Potevo impostare una somma ideale di partenza, che simulava un deposito, con cui fare acquisti di titoli azionari sul mercato italiano.

Cosi’ feci e acquistai due titoli : UNICREDIT (UCG) e FERRAGAMO (SFER).
Tra alti e bassi della borsa mi ritrovo oggi con i seguenti risultati :
UCG : -3,94%
SFER : -16,66%

Sommando i due investimenti esce un risultato di -9,47% veramente deludente.

Son passati ben 6 mesi e mezzo da quando acquistai questi due titoli.
Li scelsi in base a dei miei ragionamenti che ai tempi ritenevo essere giusti.
Spesso ho scritto su queste pagine che investire in azioni come ‘outsider’ e’ rischioso perche’ non hai il controllo dell’investimento.
E’ come sedere al tavolo della roulette in un casino’.

Fermo restando che da ‘insider’ avrei molte piu’ possibilita’ di guadagno, non sono pero’ abituato a trovare scuse per i miei insuccessi, e la mia voglia di imparare e’ tanta, quindi ho voluto capire.

Ho voluto capire se da ‘outsider’ avrei potuto fare meglio di cosi’.
Ieri guardavo i risultati dei due titoli separatamente e mi sono accorto che c’e’ una bella differenza.
In questo momento ben 12,72% di differenza, per la precisione.
Tutto sommato con Unicredit non ho sbagliato di tanto.
Come mai invece con Ferragamo sono sotto di cosi’ tanto ?

Non essendo ancora pratico con l’analisi fondamentale (ma la sto studiando) , ho dato un occhio ai grafici e mi sono accorto di una cosa…
Read more »

L’era dei tassi negativi : come drogare un drogato

Poco fa stavo dando un occhio all’euribor a 3 mesi perche’ e’ il tasso del mio nuovo mutuo.

Al momento risulta essere negativo.
In realta’ e’ negativo da mesi.

Ragion per cui molti sottoscrittori di mutui negli anni scorsi stanno ottenendo addirittura uno sconto sul loro spread perche’ nessuno (neanche le banche !) avevano previsto che l’euribor sconfinasse in territorio negativo e nei contratti di mutuo non era previsto alcun meccanismo se non quello della somma algebrica dei due tassi (quello di riferimento + lo spread).

Il problema e’ che facendo la somma algebrica, un euribor negativo va a mangiarsi lo spread che e’ il guadagno della banca.

La mia nuova banca percio’ ha previsto un ‘floor’ (letteralmente un ‘pavimento’) oltre il quale non si puo’ scendere. Nel mio caso il ‘floor’ sarebbe l’euribor che non puo’ scendere sotto lo zero.
Al momento di firmare l’atto dal notaio era gia’ in negativo da mesi, quindi la banca si e’ assicurata che almeno lo spread rimanga intatto per tutta la durata del mutuo.
Da quel che so , la mia non e’ l’unica banca ad averlo fatto.

Mosse delle banche a parte, i tassi sono negativi.
Com’e’ possibile che l’economia stia ancora in piedi con titoli di stato negativi , deflazione ed euribor negativi ?

L’altro giorno Draghi ha annunciato l’imminente arrivo di un QE 2.
Altra pioggia di denaro nel sistema.
Denaro denaro stampato dal nulla che si somma ad altro denaro che non sta andando da nessuna parte, ma che si accumula su se stesso, formando montagne di carta: come drogare un drogato.

Cosa c’entra questo discorso con i miei progetti ?
E’ importante sapere queste cose, visto che (purtroppo) vivo ancora grazie uno stipendio e che le mie ore lavorative vengono pagate in euro, ovvero una valuta che fa a gara con le altre valute per perdere costantemente valore.
E visto che il mio mutuo dipende dall’euribor a 3 mesi, finche’ resta in territorio negativo il mio debito rimane al minimo, consentendomi di risparmiare interessi a sufficienza per fare un rimborso parziale gia’ tra 12 mesi.

Credo che ne vedremo ancora delle belle (o delle brutte a seconda del punto di vista) prima di una vera ripresa, come invece sbandierano ai tg e ai giornali.

E’ tempo di espandere le rendite: immobiliare e business

Io e mia moglie abbiamo cambiato gestore per il cellulare.

Avevamo un abbonamento di questo tipo :

1000 min + 1000 sms + 2GB internet a 10 euro/mese

Col nuovo gestore avremo :

Min ILLIMITATI + sms ILLIMITATI + 2GB internet a 5 euro/mese

Quindi tra tutti e due risparmieremo altri 10 euro/mese. Da novembre il nostro cashflow mensile aumentera’ quindi di 10 euro.

Bene, termina qui un lungo periodo passato a ottimizzare le spese iniziato l’anno scorso con l’avvio della pratica di surroga del mutuo.
Son contento perche’ abbiamo mantenuto le stesse cose (nel caso del cellulare, abbiamo addirittura di piu’!) spendendo di meno.

Ora e’ tempo di espandere nuovamente le nostre rendite. Di conseguenza devo espandere le mie conoscenze.
Ho gia’ sul mio tavolo parecchi libri sull’immobiliare da leggere questo inverno e ho gia’ dato un occhio al mercato delle case.

Ho visto nella mia zona cali anche del 20% rispetto a un anno fa !
Dalle foto vedo che e’ calata di molto anche la qualita’ degli appartamenti. La maggior parte sono appartamenti in edifici anni 50/60 veramente in stato pietoso, che occorrono di una rimodernata seria.
Il che significa costi.
Comunque staremo a vedere.

Oltre a riprendere in mano l’immobiliare questo mese voglio anche terminare il sito per il mio progetto di business online.