Blog Archives

Cicli

L’universo e la vita funzionano a cicli.
Ogni 10 anni circa nella mia vita sono avvenute delle vere e proprie rivoluzioni.

E’ stato cosi’ nel 1997 e nel 2007 .
In quegli anni ho rivisto completamente il mio modo di vivere, di pensare, di agire.
E sono successe grandi emozioni, novita’ ,scoperte, traguardi. Cose di cui sono fiero.

Il 1987 non me lo ricordo perche’ ero troppo piccolo per mettere a fuoco questo tipo di riflessioni.

Ho mia mamma in terapia in ospedale da una settimana , la mia ditta sta per chiudere (dopo 20 anni di onorata carriera) e la’ fuori non vedo uno straccio di lavoro,
Anche se il mio obbiettivo e’  crearmi delle rendite e smettere di lavorare da dipendente,  mi avrebbe fatto comodo avere lo stipendio ancora per qualche anno, per portare a termine i miei progetti senza fretta.

Vabe’, faro’ di necessita’ virtu’. Vediamo cosa riesco a combinare.

Credo che sono molto vicino alla fine di un altro ciclo, visto che l’anno prossimo e’ il 2017…

La mia vita sta per cambiare pelle per la terza volta :)

Come ho trovato la libertà in un mondo non libero

Ho appena trovato questo libro :How I Found Freedom in an Unfree World, “Come ho trovato la libertà in un mondo non libero”, di Harry brownePare che questo tizio guadagnava il 9,5% l’anno, reggendo i crolli di Borsa

Quando avro’ finito di leggerlo ti faro’ sapere :)

Divorzi, paure e pensieri

Oggi dovevo partecipare a una conferenza con ingresso libero.
Mica sono andato a sbagliare…l’anno ? :)

Vabe’.

In questi giorni si fa un gran parlare dell’accordo della Gran Bretagna con l’UE.
Piu’ che un accordo sembrano le pratiche di divorzio.
La BREXIT fa paura a molti.
Come la GREXIT.
Tutti hanno paura del futuro, e intanto i giorni passano, la vita scorre…
Il futuro di cui si ha tanto paura, sta scomparendo avvolto dalla nebbia della paura stessa.
Un timore perenne, QUOTIDIANO di un qualcosa che non esiste (il futuro) e che invece puo’ essere scritto a nostro piacimento.

Potremmo pensare a come vogliamo organizzare il futuro invece ogni giorno pensiamo alla paura.

Read more »

Business e immobili : le cose non vanno sempre come vuoi tu

Negli ultimi mesi ho praticamente ristretto le mie attivita’ principali nella creazione di rendite al business e negli immobili.
La speranza e’ quella che crescano le tue finanze, le tue rendite, che il tuo progetto si sviluppi in modo lineare.

La verita’ e’ che seppur si sia in grado di creare uno sviluppo o una crescita, le cose non vanno sempre come vuoi tu, come avevi previsto.

Gli inquilini non fanno cio’ che vuoi, devi aspettarti qualsiasi richiesta, a volte devi fare buon viso a cattivo gioco.

I professionisti non fanno cio’ che vuoi, devi stargli dietro. Devi contrattare ogni volta, vogliono essere pagati nonostante non ti diano quello che avevi chiesto, nonostante ritardino nel consegnarti un lavoro.
Ma se voglio sviluppare un business , crearmi rendite, fare crescere le mie finanze, non posso dare la colpa agli altri se c’e’ qualche intoppo.
Non posso lavorare sugli altri sperando che cambino. Per migliorarmi devo lavorare su me stesso.

Cosi’ ho preso nota dei miei errori.
Ho imparato che devo dare una scadenza precisa, devo dettagliare il piu’ possibile cosa voglio che faccia e devo fare un contratto e prevedere penali nel caso di sforamento della data di consegna del lavoro.

Ma anche queste cose non servono a niente se il programmatore con cui eri d’accordo, il giorno della scadenza pattuita ti dice che non riesce a fare cio’ che avevate concordato e che non ti chiedera’ un euro.

7 giorni persi.
Le cose non vanno sempre come vuoi tu.

Pazienza, incassi il colpo e vai avanti e impari dai tuoi errori, evitando di rifarli.

Obbiettivi per il 2016

In questi giorni sto cercando di definire i miei obbiettivi per il 2016.

Obbiettivi economico-finanziari sono la liberta’ finanziaria e il cashflow.
Voglio fare meglio del 2015.

Nei prossimi giorni pensero’ anche a obbiettivi di salute , di investimento, di ricchezza, di cultura , mentali e spirituali.

Allo stesso tempo non voglio ingabbiare gli obbiettivi dentro 12 mesi, perche’ magari arrivano al 13esimo mese e se cosi’ fosse l’avrei raggiunto lo stesso. 1 mese in piu’ per raggiungerlo non mi cambia la vita.

Forse…

La grande scommessa

Ieri ho visto al cinema “La grande scommessa” .

Racconta la storia di alcuni speculatori visionari che 2 anni prima del crollo dei mutui subprime negli Usa scommettono sul crollo del sistema , che puntualmente si verifica e li fa diventare ricchi.

Il film mi e’ piaciuto molto, avevo letto le recensioni ma ha superato le mie aspettative.

Ho avuto conferma ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, che diventare ricchi e’ questione di intelligenza e buon senso, non si impara sui banchi di scuola.

Molto tecnico, adatto a chi mastica la materia economico- finanziaria, ma fa capire un sacco di cose sui derivati e sulla deriva della finanza, ormai slegata dall’economia reale, capace pero’ di mettere in ginocchio mezzo mondo e buttare sulla strada milioni di persone.

Tra l’altro il personaggio di Michael Burry , in cui mi ci ritrovo moltissimo, e’ coinvolto in alcune scene che ho vissuto realmente nella mia vita.

Cosa farei se mi trovassi senza soldi ?

Da qualche giorno non ho piu’ soldi sul conto corrente.
Ma proprio niente, zero di zero.

A Ottobre ho avuto delle spese importanti che non potevo rinviare.
Queste spese sono state nettamente superiori alle entrate e hanno finito per prosciugare il conto corrente.

La tentazione era quella di prelevare dal conto deposito, ma ho pensato che questa poteva essere l’occasione per mettermi alla prova senza rischiare nulla.
Mettermi alla prova sulla mia capacita’ di stare a galla, mettermi alla prova sulla mia capacita’ di creare rendite senza usare denaro mio.

Volevo capire come ci si sente a stare senza denaro e con le spese che incombono.

Cosa farei se mi trovassi senza soldi ?

Read more »

Investimenti azionari: errori da non commettere

Ultimate le operazioni di ottimizzazione delle spese, la mia attenzione e’ ritornata su una domanda : come posso espandere o crearmi nuovi asset e nuove rendite ?
Ho ripreso in mano la simulazione di investimento azionario che iniziai esattamente il 9 aprile 2015, quando mi trovai ad avere molta liquidita’ che mi pareva sprecata tenere su un conto deposito.
Allo stesso tempo mi accorsi che non sapevo assolutamente nulla di azioni.
Decisi percio’ di investire il mio tempo studiando questo settore.
Impiegai altresi’ parte del mio tempo per fare prove ed esperimenti senza peraltro investire un solo centesimo di euro reale.

Sul sito del sole 24 trovai uno strumento che faceva al caso mio.
Potevo impostare una somma ideale di partenza, che simulava un deposito, con cui fare acquisti di titoli azionari sul mercato italiano.

Cosi’ feci e acquistai due titoli : UNICREDIT (UCG) e FERRAGAMO (SFER).
Tra alti e bassi della borsa mi ritrovo oggi con i seguenti risultati :
UCG : -3,94%
SFER : -16,66%

Sommando i due investimenti esce un risultato di -9,47% veramente deludente.

Son passati ben 6 mesi e mezzo da quando acquistai questi due titoli.
Li scelsi in base a dei miei ragionamenti che ai tempi ritenevo essere giusti.
Spesso ho scritto su queste pagine che investire in azioni come ‘outsider’ e’ rischioso perche’ non hai il controllo dell’investimento.
E’ come sedere al tavolo della roulette in un casino’.

Fermo restando che da ‘insider’ avrei molte piu’ possibilita’ di guadagno, non sono pero’ abituato a trovare scuse per i miei insuccessi, e la mia voglia di imparare e’ tanta, quindi ho voluto capire.

Ho voluto capire se da ‘outsider’ avrei potuto fare meglio di cosi’.
Ieri guardavo i risultati dei due titoli separatamente e mi sono accorto che c’e’ una bella differenza.
In questo momento ben 12,72% di differenza, per la precisione.
Tutto sommato con Unicredit non ho sbagliato di tanto.
Come mai invece con Ferragamo sono sotto di cosi’ tanto ?

Non essendo ancora pratico con l’analisi fondamentale (ma la sto studiando) , ho dato un occhio ai grafici e mi sono accorto di una cosa…
Read more »

Serve gente povera,furba e affamata

Ho un problema di cashflow.

Temporaneo, ma pur sempre un problema da affrontare.

Il prossimo mese subiro’ ancora un prelievo in busta paga di circa 500 euro per via della cedolare secca sugli affitti.
Sara’ l’ultimo di 4 mesi di prelievo, per fortuna, ma a livello di bilancio ci sara’ da soffrire questo mese e anche il prossimo mese.

E poi avro’ altre spese: la rata del mutuo, l’affitto, l’assicurazione dell’auto, bollette, spese mediche.

Tutte entro il 31/10.

Come ho detto in precedenza, questo mese avro’ piu’ spese che entrate.
Potrei prelevare la somma necessaria dai risparmi, sarebbe facile farlo, ma non voglio intaccare le rendite, visto che i risparmi li ho utilizzati in attivi che producono interessi.

Non voglio farlo per due motivi :

- per non ritornare indietro con i miei comportamenti del passato, quando non mi creavo mai degli attivi ed ero costretto a lavorare per ricostruire ogni volta il capitale.
- per imparare a trovare il denaro necessario senza distruggere gli attivi che mi sono faticosamente costruito. Sono convinto che questa disciplina non potra’ che fare bene alla mia intelligenza finanziaria.

La verita’ e’ che sto bene , ho soldi a sufficienza per vivere decentemente e questo ‘stare bene’ mi tiene lontano dallo stare ‘meglio’.
Mi fa essere anche pigro. Non avendo grossi problemi, non sfrutto tutte le mie capacita’ per trovare soluzioni per raggiungere obbiettivi ambiziosi.
Invece di fronte alla necessita’ l’uomo si attiva e sfrutta tutte le sue facolta’ per trovare soluzioni.
Cosi’ facendo migliora , diventa piu’ bravo e raggiunge l’obbiettivo.

“Serve gente povera, furba e affamata.” (cit. Gordon Gekko “Wall Street”)

Stavolta voglio fingere che quei soldi non ce li ho e che dovro’ inventarmi qualcosa per trovarli.
Cosa farei se domani fossi davvero senza soldi ?

homeschooling

Prima volevo trovare la scuola migliore per mia figlia.

Poi mi son reso conto che anche la scuola migliore che ci sia, limitera’ moltissimo la curva di apprendimento di mia figlia e la sua liberta’, facendole credere che nella vita sei bravo solo se qualcuno ti da’ un buon voto, forgiando un nuovo essere non-pensante, un nuovo schiavo del sistema.

Del resto , se un genitore delega l’istruzione dei propri figli allo stato, questo gli insegnera’ cio’ che gli interessa a lui, mica cio’ che interessa al bimbo o ai genitori!

E poi, Come puo’ un professore insegnare e giudicare gli studenti se lui , per primo non e’ capace di padroneggiare la materia che insegna?

Read more »

BE STUPID

Da tanto tempo cercavo il libro di Renzo Rosso intitolato ‘be stupid’

Rosso e’ il fondatore della DIESEL, la fabbrica dei jeans, quelli tutti strappati e slavati.

Ebbene, il suo libro, un’autobiografia era introvabile.
Dopo mesi di ricerche , oggi quel libro e’ sul tavolo di casa mia.

Una copia omaggio arrivata direttamente dal quartier generale della DIESEL di Breganze (VI) con tanto di dedica scritta a mano !

Questi della DIESEL e della OTB (la holding che controlla DIESEL) sono veramente forti !

Sono contento e non posso far altro che parlar bene di loro e soprattutto dirgli GRAZIE !  ,)

 

Sei nel quadrante D?

Un anno.

E’ passato un anno da quando ho preso il part time.
Mi ricordo quei giorni, mi sembrava la cosa piu’ ovvia da fare.
Perche’ rimanere occupato 5 giorni alla settimana per un lavoro che non mi stava dando piu’ nessuna soddisfazione, per di piu’ a 10 euro/ora, quando ero sicuro che impiegando lo stesso tempo a modo mio, secondo i miei ritmi, seguendo il mio istinto e le mie intuizioni, senza che nessuno mi desse stupidi ordini da eseguire, avrei guadagnato molto di piu’ di 10 euro/ora ?
Oppure se vogliamo vederla in un altro modo, fuori dall’ufficio mi serviva molto meno tempo per guadagnare gli stessi soldi che ricevevo in busta paga.
Il part time era diventata una scelta necessaria.
Mi sentivo un po’ matto perche’ la mia decisione era in netto contrasto con le realta’ che mi circondava : disoccupazione dilagante e gente alla disperata ricerca di un’occupazione. Meglio se a tempo indeterminato.

Read more »

L’inquilino che non paga: sii morbido con le persone ,ma duro col problema

L’altro giorno scrissi che affittare immobili non e’ tutto rose e fiori.

A volte l’inquilino non paga il canone.

Pero’ con un minimo di gestione dell’ inquilino, tanta pazienza e sangue freddo si riesce a portare a casa il risultato.

Al quarto giorno di ritardo nel pagamento, ho telefonato al mio inquilino, che non mi ha risposto, ma mi ha prontamente mandato un sms scusandosi per il ritardo nel pagamento del canone (coda di paglia?) , che era stato fuori citta’ e che il giorno stesso aveva fatto il bonifico (guarda caso proprio quel giorno…).

Siccome la mia filosofia e’ di essere morbido con le persone ,ma duro col problema, ho risposto in modo gentile via sms che non c’ era problema e auguravo buona serata.

Questa e’ la parte morbida. :)

La parte dura,ovvero la volonta’ di risolvere il problema, l’ho comunicata dicendo nello stesso sms che l’indomani avrei controllato che il bonifico fosse arrivato e l’avrei informato.

Il giorno dopo il bonifico non arrivo’.

Prima di cena chiamai sempre con il frame “essere morbido con le persone ,ma duro col problema”. Non feci in tempo a chiedergli ‘come va?’ Che mi disse che il bonifico l’aveva fatto il 12,ma con valuta il16 e che mi avrebbe mandato la ricevuta.

Evidentemente il solo fatto di aver ricevuto la mia telefonata l’ha messo sotto pressione.

Appena dopo la telefonata mi ha mandato la ricevuta e ieri ho ricevuto il bonifico.

Problema risolto! Siccome preferisco aspettarmi sempre qualche problema dalla vita, ecco che mi si e’ presentato uno nuovo.

La lavatrice non si accende piu’ :(

I ricchi rimangono ricchi e i poveri rimangono poveri: questione di mentalita’

Oggi ho avuto nuovamente conferma del motivo per cui i ricchi diventano sempre piu’ ricchi e i poveri diventano sempre piu’ poveri o per lo meno rimangono tali.

E’ questione di mentalita’.

Ti spiego perche’ la penso cosi’.

Per il mio progetto di business , sto partendo su piccola scala e sto offrendo a parenti, amici e conoscenti un servizio che fa risparmiare loro qualche soldino.

Per ora lo faccio gratuitamente, giusto per capire se c’e’ domanda, mercato e soprattutto profitto.

Ebbene, ho gia’ creato un giro ‘clienti’ sufficiente per fare qualche statistica e sono in grado di distinguere i miei ‘clienti’ in due categorie.
Read more »

Psicologia della ricchezza

In giornate come questa ho la sensazione che la ricchezza arrivi a me come una sorta di flusso, nel momento in cui mi concentro su di essa, mi viene incontro quasi magicamente.

Chiamala legge di attrazione, mentalita’ dell’abbondanza, chiamala come ti pare.

Non so se c’entri, ma l’atteggiamento mentale conta tantissimo e secondo me quando uno si attiva, tante altre cose vanno al loro posto quasi da sole.
Potrei includere questo articolo in una nuova categoria : la psicologia della ricchezza.

Credo di aver innescato un circolo virtuoso questo mese.
Read more »