Business e immobili : le cose non vanno sempre come vuoi tu

Negli ultimi mesi ho praticamente ristretto le mie attivita’ principali nella creazione di rendite al business e negli immobili.
La speranza e’ quella che crescano le tue finanze, le tue rendite, che il tuo progetto si sviluppi in modo lineare.

La verita’ e’ che seppur si sia in grado di creare uno sviluppo o una crescita, le cose non vanno sempre come vuoi tu, come avevi previsto.

Gli inquilini non fanno cio’ che vuoi, devi aspettarti qualsiasi richiesta, a volte devi fare buon viso a cattivo gioco.

I professionisti non fanno cio’ che vuoi, devi stargli dietro. Devi contrattare ogni volta, vogliono essere pagati nonostante non ti diano quello che avevi chiesto, nonostante ritardino nel consegnarti un lavoro.
Ma se voglio sviluppare un business , crearmi rendite, fare crescere le mie finanze, non posso dare la colpa agli altri se c’e’ qualche intoppo.
Non posso lavorare sugli altri sperando che cambino. Per migliorarmi devo lavorare su me stesso.

Cosi’ ho preso nota dei miei errori.
Ho imparato che devo dare una scadenza precisa, devo dettagliare il piu’ possibile cosa voglio che faccia e devo fare un contratto e prevedere penali nel caso di sforamento della data di consegna del lavoro.

Ma anche queste cose non servono a niente se il programmatore con cui eri d’accordo, il giorno della scadenza pattuita ti dice che non riesce a fare cio’ che avevate concordato e che non ti chiedera’ un euro.

7 giorni persi.
Le cose non vanno sempre come vuoi tu.

Pazienza, incassi il colpo e vai avanti e impari dai tuoi errori, evitando di rifarli.

{ Lascia un commento ? }

  1. Tora64

    E proprio cosi’ . Esperienza e Giurisprudenza questo e quello che serve per gestire gli immobili .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>