Monthly Archives: novembre 2012

Verso la liberta’ finanziaria , lo stato patrimoniale.

Settimana scorsa e’ stato approvato il cosiddetto ‘decreto produttivita’.
In cosa consiste ?
Praticamente il governo ha proposto agli italiani (tramite i sindacati e confindustria) di togliere un po’ di tasse in cambio di produttivita’.
Traduzione : se vuoi che ti riducano le tasse devi lavorare di piu’.
Traduzione per i duri di comprendonio : hanno agganciato le tasse al lavoro, non piu’ al motivo per cui sono nate, ovvero per finanziare i servizi pubblici (strade, rai, sanita’, scuola, ecc)
Non fa niente se i servizi pubblici fanno cagare, da domani devi lavorare di piu’ se vuoi che te le abbassino.
Lo vedi come ti fanno girare per bene sulla ruota ?
Trovano sempre il modo per farti rimanere sulla ruota, da bravo topolino.
Ti fanno annusare il formaggio per tenerti li’.
Ieri la riforma delle pensioni, oggi con la diminuzione delle tasse, domani chissa’ che si inventeranno.
Notizia di qualche giorno fa : “Ocse pessimista sull’Italia, «Necessaria nuova manovra nel 2014″ (Fonte : Corriere.it)
Siamo schiavi di agenzie di rating, associazioni , fondi monetari, che fanno le loro statistiche e ci chiedono continuamente sacrifici.

Qualche anno fa manco badavo a queste cose, motivo per cui mia moglie ormai non mi sopporta piu’ :)
Prima il mio metro per misurare la mia ricchezza, era la busta paga, le mie entrate e le mie uscite.
Se la busta paga aumentava, mi sentivo piu’ ricco.
Se mettevo da parte qualcosa a fine mese, mi sentivo piu’ ricco.
Pero’ c’era qualcosa che mi dava la sensazione di correre, correre, correre ed essere sempre allo stesso punto.
Se anche tu hai questi sintomi, allora sei proprio dentro la corsa del topo fino al collo.

Non ne sei convinto ?

Dicembre si avvicina, ma a noi non interessa aspettare dicembre per tirare le somme.
Negli ultimi 12 mesi, se sommi tutte le tue buste paga, quanto hai guadagnato ?
Fatto il calcolo ?
Ok, adesso da questa cifra , togli tutte le spese di 12 mesi, compresa la nuova cuccia per il tuo cane.
Togli mutuo , cibo, bollo auto, assicurazione, vacanze, cinema, telefonino, ecc.
Quanto ti e’ rimasto ?

Poco, vero ?
Non importa, sono comunque soldi risparmiati , che ti tieni in tasca.
Quello e’ il tuo vero stipendio, il tuo premio per aver dato 8 ore al giorno della tua vita al lavoro.
Il resto lo dai allo stato, alla banca, al cane e se ti va di sfiga pure a Equitalia.
8 ore al giorno x 5 giorni alla settimana x 48 settimane (4 le togliamo per le vacanze) = 1920 ore
1920 ore all’anno in cambio di quanto ? 4.000 euro ? 5.000 euro ?
Se fosse cosi’, potresti raggiungere il benessere nel giro di un ventennio…forse…

Perche’ uso il condizionale ?
Perche’ e’ vero in linea teorica.
Torna sulla terra, fai attenzione perche’ c’e’ l’inflazione in agguato, le varie crisi del momento, le manovre, manovrine, decreti vari, tutti pronti a mangiarti anche quello che riesci a mettere da parte.
Ne ho parlato qui

So che forse ti sto annoiando con questi discorsi : inflazione, politica, lavoro , ma questa e’ la mia strada per raggiungere la liberta’ finanziaria, che e’ il mio sogno attuale.

Ma come si fa a capire se siamo piu’ forti dell’inflazione , se la nostra ricchezza sta aumentando o diminuendo ?
Io sono gia’ ricco solo per il fatto che ieri ho potuto gustare con mia moglie una cioccolata calda alla nocciola con panna in un locale del centro, senza preoccuparmi di quanto costasse.

Tu invece potresti sentirti benestante perche’ hai comprato una casa, aprendo un mutuo con la tua banca.
Anche i tuoi si sono comprati la casa 30 anni fa.
Sai quanto l’hanno pagata ?
Siccome c’erano ancora le lire e ora c’e’ l’euro, non riusciremmo a capire chi l’ha pagata di piu’.
Percio’ e’ utile ragionare in termini di anni di lavoro (o di stipendio).
Loro con 10 anni di lavoro si sono ripagati la casa.
Tu , se ti va bene, a parita’ di metri quadri, devi dare 20 anni di lavoro.
Sai cosa significa ? Che devi lavorare il doppio per avere la stessa casa dei tuoi !
Oppure che le tue 8 ore di lavoro valgono la meta’ di quelle di tuo padre.
vabe’ dai, non volevo essere brutale, ti sei impoverito rispetto a loro, ma non e’ colpa tua.
Non potevi saperlo perche’ queste cose non te le dice nessuno, a scuola non te le insegnano, e tu eri troppo piccolo quando loro l’hanno comprata.
In quegli anni onestamente che cazzo te ne fregava dell’inflazione, del mutuo, del lavoro ?
Per noi bambini era importante giocare a calcio con gli amici, fare bim bum bam per scegliere la palla o il campo.

Ok, parliamo di numeri.
Quanto vale la tua casa in questo momento ?
Anzi, a quanto ammonta il tuo patrimonio ?
Anzi , scusa, innanzitutto sai cos’e’ uno stato patrimoniale ?
E’ la somma del valore i tutti i beni materiali che possiedi (immobili e liquidi)
Casa, macchina, ciotola del cane, la pelliccia della moglie (che sono la parte immobilizzata) + i conti correnti, gli investimenti (che costituiscono la parte liquida)
Se vuoi mettere nell’elenco anche l’orologio e il telefonino, fai pure, ma si tratta di cifre trascurabili che non fanno la differenza nell’insieme del patrimonio.
Fatto il conto ?

Facciamo che il totale sia 100.
Se dopo 12 mesi il totale e’ salito a 103, stai viaggiando al ritmo del 3% annuo, ovvero uguale all’inflazione attuale.
La tua situazione non e’ cambiata di una virgola.
Se il totale e’ inferiore a 103, sei sotto questo 3% : forse e’ il caso che fai qualcosa per aumentare il tuo patrimonio.
Se il totale e’ superiore a 103, sei sopra il 3% . Stai viaggiando piu’ veloce dell’inflazione, quindi ti stai arricchendo.

Tu non devi fare come faccio io , poiche’ sono tutte stronzate.
Devi fare quello che ti dice la tua testa.
Io qui racconto come faccio a raggiungere la liberta’ finanziaria, ma sono solo suggerimenti e spunti per te che leggi.
Se della liberta’ finanziaria non te ne frega una cippa, non importa, pensa a come realizzare il tuo sogno.
Leggendo questo blog ti voglio dimostrare che realizzare un sogno e’ possibile, e che i sognatori son le persone piu’ concrete che esistano.

Nei prossimi articoli affronteremo alcuni strumenti per mettere le basi verso la liberta’ finanziaria, incrementando la liquidita’.

Crea la vita che vuoi.

Raggiungere la liberta’ finanziaria, non smettere di imparare : due libri da leggere

Oggi voglio condividere con voi alcune risorse. Due libri utili per chi desidera realizzare i propri sogni , in particolare per chi vuole raggiungere la liberta’ finanziaria.

“Padre ricco padre povero” di Robert Kyiosaki.

“Perche’ vogliamo che tu sia ricco” di Robert Kyiosaki e Donald Trump.

Perche’ questi libri ? (non farti fuorviare dal titolo, cerca di andare oltre, non si tratta solo di soldi)
Perche’ ti insegnano cose nuove, che a scuola non ti hanno mai insegnato, che ti possono servire per raggiungere i tuoi sogni.
Perche’ ti fanno andare oltre i tuoi limiti mentali, sono fonte di ispirazione se vuoi costruire il mindset giusto per creare entrate automatiche e non solo.
Uff..Luca, per favore , parla come magni !

Ok, ti voglio raccontare una storia di superamento dei propri limiti e di cibo.
Era da mesi che avevo promesso a mia moglie che le avrei cucinato il risotto allo zafferano, anche se non avevo la piu’ pallida idea di come si cucinasse.
Cosa ho fatto ?
Ho fatto la cosa piu’ logica che la mia mente suggeriva : ho recuperato la ricetta, ho preso gli ingredienti al supermercato e ho provato a cucinarlo.
Non solo ci sono riuscito, ma mi sono divertito a farlo e mia moglie e’ rimasta soddisfatta !

Pensi che ti stia facendo perdere tempo ?

Allora non perdere altro tempo, c’e’ crisi, trovati un lavoro migliore di quello che hai.
Guarda gli annunci di lavoro : cercano un sacco di laureati, chiedono mille requisiti, devi essere ingegnere nucleare della NASA con esperienza pregressa di 7 anni nel settore, ah dimenticavo, eta’ massima 25 anni.
Cio’ significa che a 18 anni ti devi essere iscritto all’universita’, aver scelto la facolta’ giusta per te, che significa che devi gia’ aver le idee chiare su cosa sarai nei prossimi 20-30 anni, ti devi fare il culo e laurearti in 3 anni, a 21 anni trovi un lavoro e ti fai 4 anni di esperienza (magari all’estero)
Ma in quale mondo ?

A 18 anni impennavi ancora col fifty ? Cazzi tuoi.
Hai i requisit richiesti ? ok , in cambio ti offrono un contratto a tempo determinato.
Pensa : ti sei fatto il culo nei tuoi anni migliori, per avere un contratto a tempo determinato a 1000 euro al mese.
Un muratore che conosco, guadagna il doppio e non ha neanche finito le superiori.
Io ho mollato l’universita’ dopo un anno e mezzo, mi son messo a lavorare a 21 anni, ad oggi ho guadagnato di piu’ di molti miei amici laureati.
Non ti sta bene ? Avanti il prossimo !

Se sei arrivato a leggere fin qui e’ perche’ in questo quadretto ci stai stretto, non lo trovi giusto, forse non lo trovi all’altezza delle tue capacita’.
Allora non perdere altro tempo, leggi i libri.

Io per oggi, di libri te ne suggerisco due :

“Padre ricco padre povero” di Robert Kyiosaki.
Robert scrive : “Risparmiare soldi ogni mese non e’ una cattiva idea, e’ una delle opzioni disponibili, quella che scelgono molti.Il problema e’ che rende cieca la persona rispetto a cio’ che le gira attorno. Cosi’ perde le occasioni migliori per far fruttare i soldi che ha.”
Robert Kyiosaki, nato e cresciuto alle Hawaii, figlio di un professore universitario, ha fondato aziende , si e’ creato entrate automatiche ed e’ diventato multimilionario. Si e’ ritirato all’eta’ di 47 anni dal lavoro.

“Perche’ vogliamo che tu sia ricco” di Robert Kyiosaki e Donald Trump.
Donald Trump ,l’uomo dal parrucchino biondo con l’attaccatura che gli parte dalle sopracciglia. :)
Segnalo questo libro perche’ e’ tendenza diffusa che chi e’ ricco o lo e’ diventato, non voglia condividere con gli altri il suo modo per diventarlo, come se gli altri , venendolo a sapere, gli togliessero le sue ricchezze.
In questo libro Robert e Donald ci spiegano in modo schietto e senza mezzi termini perche’ vogliono che tu sia ricco : perche’ conviene anche a loro e non lo nascondono !

Io ti ho suggerito questi due libri per raggiungere la liberta’ finanziaria, ma potrebbero essere inutili per te, oppure potresti voler leggerne altri, sta a te decidere quali sono i piu’ utili al tuo sogno.
In ogni caso leggere solamente i libri non ti cambiera’ la vita, se poi non sai che farci con cio’ che hai letto.
Pero’ ti rende piu’ consapevole su aspetti che forse non avevi mai considerato.
Ricordati che per realizzare i tuoi sogni, ci vuole teoria e pratica.
Oggi ho parlato di teoria.
Nei prossimi articoli entrero’ negli aspetti pratici per raggiungere la liberta’ finanziaria, raccontandoti le mie esperienze , i miei successi e i miei insuccessi.

Realizza i tuoi sogni
Crea la vita che vuoi.

Come realizzare i sogni, crea la vita che vuoi

Perche’ lo faccio ?
Perche’ in un mondo che parla solo di crisi , io parlo di sogni ?
Perche’ in un pianeta di gente che pensa a risparmiare ancora di piu’ di quanto gia’ non faccia, io racconto di come aumentare le proprie ricchezze ?
Perche’ in un mondo di persone che pur di avere un salario scendono a compromessi col loro capo ‘in nome della crisi’, io ti vengo a parlare di liberta’ finanziaria e come vivere di rendita ?
Lo scopo di questo blog e’ dimostrare che quello che c’e’ nella tua testa, quello che sogni tutte le notti , e’ possibile realizzarlo !!
E la cosa carina e’ che non serve essere eroi o imprese titaniche o sudare sette camicie o avere i superpoteri di batman.
E la figata e’ che e’ possibile farlo senza rubare , cercare trucchetti, scorciatoie, tecniche segrete, ma semplicemente facendo felice contemporaneamente te stesso e le persone intorno a te !
Se deciderai di seguirmi su questo blog, scoprirai che e’ possibile.

Il tuo sogno va custodito, protetto, coltivato.
Giorno dopo giorno.
Se il tuo sogno e’ diventare un calciatore , non dovresti stare a giocare a figurine tutto il giorno.
Ti pare ?
Datti una mossa, perche’ in questo blog racconto come realizzare i sogni.
Il mio sogno attuale e’ crearmi entrate automatiche per raggiungere la liberta’ finanziaria : su queste pagine racconto come faccio.
Ci riusciro’ ? Lo vedremo, strada facendo.
E una volta raggiunto , dopo che faro’ ?
Realizzero’ altri sogni e progetti, visto che e’ il tema principale del blog, ma intanto pensiamo a come uscire dalla corsa del topo. ,)

Devi occuparti il piu’ possibile di tutto il necessario per far si’ che il tuo sogno diventi realta’.
Ogni giorno.
Ogni ora , se possibile.
Lungo il cammino troverai parenti, amici, colleghi, che ti daranno una mano ad allontanarti dall’obbiettivo.
Si hai letto bene ‘allontanarti’
Sia ben chiaro, che non lo fanno con cattiveria, non lo fanno apposta.
Semplicemente vogliono il tuo bene, e per farlo ti sconsigliano dal tentare strade nuove, a loro sconosciute, anche se si tratta del tuo sogno, delle tue aspirazioni, della tua motivazione interiore.
La strada verso il proprio sogno e’ lunga, tortuosa e piena zeppa di ostacoli.
Non sono ostacoli materiali e ben visibili come un sasso o un muro di mattoni.
Sono come le trappole per il topo, sono nascoste, magari c’e’ pure dentro il formaggino per attirarti nella trappola.
Quando sei piccolo ci si mette la famiglia, poi ci pensa la scuola, poi il mondo del lavoro.
Studia per prendere buoni voti, passa l’esame di maturita’ con un voto alto, cosi’ trovi lavoro.
E quand’e’ che studi e lavori per te stesso, per renderti felice, per realizzare i tuoi sogni ?
Quando viene il tuo momento di gioia ?
Intendo quei momenti in cui ti senti pieno , soddisfatto, quando la vita ti sembra bellissima.
Quando viene questo momento ?
Un’altra volta, domani, sempre domani, ma questo domani sembra non arrivare mai…
Tutto sembra costruito per ostacolarti nel realizzare i tuoi sogni, ecco perche’ il tuo momento non arriva mai.
Questa e’ la vita, bellezza.
Vista da qui , realizzare sogni sembra proprio uno sbattimento.
Pero’ l’alternativa e’ non realizzarli e far morire cosi’ la tua anima con largo anticipo rispetto al tuo corpo.
Vivere o niente.

Vedi, ora sono quasi le 23, fuori e’ buio, un’altra giornata si sta per concludere.
Allora, prima di andare a nanna, fatti questa domanda :
Quali passi hai compiuto oggi in concreto per realizzare il tuo sogno ?

Crea la vita che vuoi, adesso.

Negoziazione , con la chiave giusta e’ possibile aprire qualsiasi porta. La camera da letto.

Quando dico che e’ importante saper negoziare , non lo dico solo per uscire dalla corsa del topo, ma questa puo’ essere un’abilita’ utile in moltissimi ambiti della vita di tutti i giorni.
Se ci pensate bene noi abbiamo molte occasioni di negoziazione ogni giorno : con il capo per l’aumento di stipendio, con la moglie per scegliere il colore delle pareti, con il vigile per evitare la multa :)

Vuoi sapere come guadagnarci dal cambio di mobili di una camera da letto, attraverso la negoziazione ?
Seguimi nel mio discorso.

Dovendo ottimizzare gli spazi in casa, ho avuto la necessita’ di cambiare i mobili della camera da letto con l’obbiettivo di aumentare la capienza totale e sfruttare il piu’ possibile il volume a mia disposizione.
Il secondo obbiettivo era riuscire a dare via i vecchi mobili ricavando qualcosa.

Per il primo obbiettivo io e mia moglie ci siamo posti il vincolo di non spendere troppo per questi mobili perche’ non sappiamo quanto tempo staremo ancora nella nostra casa attuale.
Non e’ certo la casa dei nostri sogni, quindi non abbiamo intenzione di investirci troppo.

Quindi la nostra attenzione si e’ concentrata su due grosse catene di vendita per abbassare i costi.
La soluzione finale e’ un buon mix tra risparmio e qualita’.
Ma non e’ di questo che voglio parlarti.

Avevo sul groppone i vecchi mobili (lasciati in dotazione con la casa dall’ex proprietario della casa), che vecchi non erano, poiche’ erano ancora in ottimo stato e di design classico , quindi abbastanza attuale, come tutte le cose classiche.
Insomma, la soluzione piu’ immediata era buttarli in discarica, ma mi sembrava proprio uno spreco.
Se vuoi diventare ricco, se vuoi raggiungere la liberta’ finanziaria, e’ bene che impari a far fruttare le cose che hai a portata di mano , a tirar fuori ulteriore valore dal valore, percio’ mi son chiesto : come posso ricavare qualcosa da questi mobili ?

Cosi’ , di ritorno da una bella gita domenicale con mia moglie, con in testa questi pensieri , sono capitato per caso davanti a un mercatino dell’usato
Era proprio quello che faceva al caso mio !
Mi sono fermato al volo.
Adoro l’universo. :)

Li’ dentro ci trovi di tutto : mobili vecchi della nonna, persino la pianola anni ’80, bambole, fumetti, radio antiche, hai presente quelle rivestite in legno ?
Sono andato alla ‘reception’ (in realta’ era solo un bancone di legno eheh) e mi sono preparato a negoziare col gestore.
Gli ho chiesto se mi ritiravano i mobili, mi ha detto che gli serviva qualche foto.
Fortunatamente avevo con me la fotocamera su cui ne avevo memorizzate un paio.
I mobili erano in ottimo stato, ma la loro stima per il prezzo di vendita era intorno ai 300 euro, mentre io contavo di venderla almeno a 500 euro.
Avrei dovuto trattare sul prezzo, ma quando mi ha chiesto dove abitavo, risultava essere troppo lontano per loro, cosi’ la trattativa e’ morta prima ancora di nascere.

I giorni seguenti ho parlato ai miei circa le mie intenzioni di vendere la camera da letto, per capire come avrebbero reagito, e soprattutto per capire se i miei mobili potessero rappresentare un’opportunita’ non solo per me, ma anche per loro.
E’ da un po’ di tempo che anche loro vogliono cambiare i mobili della loro camera, ma mi hanno risposto che sono alla ricerca di una camera nuova , non usata come la mia.
Quindi anche l’ipotesi di darla ai miei si e’ frantumata abbastanza rapidamente.
In realta’ non hanno fatto nulla di concreto per cercare i nuovi mobili e ho visto i miei un po’ indecisi quando gli ho chiesto se volevano prendere i miei.
In effetti i miei mobili erano davvero nuovi, quindi avrebbero soddisfatto il loro obbiettivo.
L’ostacolo che dovevo abbattere o aggirare era il loro pregiudizio nei confronti di una camera di seconda mano.
Cosi’ non mi sono arreso.
Io penso che la negoziazione sia un’arte e che non la si debba limitare a un singolo incontro o una chiacchierata o a una telefonata, ma si possa svolgere anche su un’arco di tempo piu’ lungo.

Nelle settimane seguenti ho iniziato a spargere la voce, per cercare di venderla al primo acquirente che mi si fosse presentato.
Come trovare l’acquirente ?
Ne ho parlato ad amici e colleghi.
Uno di loro, proprio in quei giorni stava cercando i mobili per la camera e voleva risparmiare il piu’ possibile.
Allora gli ho proposto di comprare i miei, gli avrei fatto risparmiare un po’ di soldi.
Mi ha risposto che non era interessato a mobili usati, voleva comprare mobili nuovi al negozio.
Con me avrebbe fatto sicuramente un affare, ma devo aver sbagliato qualcosa nella proposta perche’ non ha neanche voluto vedere le foto :)

Tramite un collega , ho saputo che un suo conoscente era interessato ai miei mobili e gli avrebbe fatto sapere, dopo essersi consultato con la moglie.
Finalmente un acquirente : Wow !
Sono andato ad accennarlo ai miei, ma la situazione era cambiata : ora anche loro erano intenzionati a prendere i miei mobili.
Non avro’ mai la controprova , ma sospetto che si siano decisi nel momento in cui gli ho fatto presente che avevo trovato un acquirente.

Ovviamente ai miei gliel’avrei lasciati gratis, dopo tutti i sacrifici che hanno fatto per crescermi, ci manca pure che gli faccio pagare i mobili
Pero’ rispetto a qualche settimana prima, ora avevo in mano piu’ carte per fare il mio gioco e in ogni caso ci avrei guadagnato.
Sia che l’avessi venduta al conoscente del mio collega, sia che l’avessi regalata ai miei.

Voi direte, “si vabbe’ dove sta il guadagno nel regalarla ai tuoi ?”

Fai bene attenzione, quando dico di ricavare qualcosa non pensare solo ai soldi.
Ti ho gia’ accennato qualcosa riguardo le ricchezze non tangibili in questo ARTICOLO (“Uscire dalla corsa del
topo : quanto sei ricco ? quanto devi diventare ricco per uscirne ?”)
Il fatto che non siano tangibili, non vuol dire che non esistano, esistono eccome !
Se non le vedi, e’ solo perche’ non le hai messe a fuoco.
Quando non vedi bene cosa fai ? Ti metti gli occhiali , giusto ?
Ecco, devi fare la stessa cosa quando pensi che non ci siano possibilita’.

Alla fine l’acquirente non si e’ piu’ fatto vivo, e ho regalato i mobili ai miei.
Cosi’ loro hanno avuto mobili nuovi a costo zero e gli ho risolto un problema.
Tutti sono usciti soddisfatti da questa negoziazione.
Avrei potuto buttarlo subito in discarica, anziche’ fare tutti ‘sti sbattimenti per regalare i mobili e non ricavarci neanche un euro.
Sono proprio un idiota.

Hai capito dove sta la mia ricchezza ?
Sii parte della soluzione e non del problema.

Crea la vita che vuoi.