Monthly Archives: ottobre 2012

Uscire dalla ruota del topo divertendosi : Cashflow 101

Dopo alcuni giorni di febbre e di riposo forzato, riprendo a scrivere qui.
Confesso che mi e’ pesato molto dover stare a letto, con tutte le cose che ho da fare.
Pero’ penso che sia anche doveroso rispettare il nostro corpo, ascoltare i segnali sia quando ci dice che possiamo , sia quando ci dice che e’ ora di prendersi una pausa.
Raffreddore, febbre a 38, mal di testa. Bastano come segnali ? :)
Ma anche se il fisico chiede time-out , per fortuna le idee e i pensieri possono svilupparsi ugualmente.

Quanti di voi vogliono uscire dalla corsa del topo ?
Quanti di voi sono convinti di cio’ che fanno ?
Io di convinzioni ne ho sempre meno, e cio’ che mi da’ piu’ soddisfazione sono i miei errori.
Li adoro !
E sapete perche’ ?
Da anni mi occupo di motivazione e sviluppo personale ed e’ anche grazie agli errori che posso imparare e migliorare.

Se uno vuole imparare a giocare a scacchi, di errori ne puo’ fare quanti ne vuole, tanto , nel caso peggiore, gli mangiano la regina, che non e’ altro che un pezzo di pietra o di legno, o di alabastro, e domani si ricomincia una nuova partita con piu’ esperienza.
Stessa cosa se tu volessi imparare a suonare uno strumento : provi e riprovi, fai un sacco di errori, li correggi, finche’ impari.
Piu’ errori fai, piu’ occasioni hai per imparare e crescere.

Ma nel caso noi volessimo diventare liberi finanziariamente ?
Potremmo applicare lo stesso concetto.
In questo caso, l’oggetto del contendere diventano i soldi.
Quante volte ci siamo sentiti dire ‘metti via quello che guadagni, che un domani puo’ servirti’
Cosi’ facendo pero’ abbiamo continuato a lavorare accumulando denaro che forse non useremo mai.
E’ il denaro che ti sta usando.
Lavoriamo per i soldi, tutti i santi giorni, questa e’ la realta’ odierna.

Come possiamo imparare a farli lavorare per noi ?
Dobbiamo fare cose che prima non abbiamo mai fatto, mettendo in conto che facendo cose nuove, l’errore e’ in agguato, ma ora sappiamo che l’errore e’ il nostro alleato.
Si ma…guarda che fare errori coi tuoi soldi ti potrebbe costare caro.
Si, e’ vero, hai fatto errori, hai imparato cose nuove, ma per aver voluto andare oltre i tuoi limiti nella gestione del denaro, ti sei bruciato il conto corrente !
Bravo piffero. :)
E ora di cosa vivi ? Beh dai, ti rimane sempre l’elemosina come fonte di guadagno.

Io e mia moglie invece di fare errori coi nostri soldi, ogni tanto giochiamo al cashflow 101, il gioco inventato da Robert Kyiosaki, e’ una specie di Monopoli, ma ancora piu’ realistico perche’ simula proprio la routine di tutti i giorni e l’obbiettivo e’ uscire dalla ruota del topo.

E pensare che la prima volta che ci ho giocato, non sono riuscito a uscire dalla ruota neanche dopo 3 ore di gioco , mentre l’autore del gioco sostiene che si possa uscire in mezz’oretta !!
Io pensavo che era matto.
L’ultima volta che ho giocato sono uscito dalla ruota del topo in meno di 1 ora.
La cosa interessante e’ che ogni volta che ci ho giocato, ho impiegato sempre meno a uscire.
Ecco la grande ricchezza : imparare divertendosi, senza rischiare neanche un centesimo.

Se vuoi farlo pure tu, scrivimi a : info@crealavitachevuoi.com

Ieri ho rivisto un mio vecchio amico d’infanzia.
E’ stato un vero piacere fare una chiacchierata con lui.
Ho anche svuotato un sacchetto di patatine fritte in compagnia di mia moglie. :)
Ecco la mia grande ricchezza.

Divertiti, sbaglia, impara.

Crea la vita che vuoi.

Uscire dalla ruota del topo : le spese mensili

Quando leggo o sento parlare di liberta’ finanziaria, sento tante persone che per prendere decisioni si basano sui luoghi comuni, leggono le statistiche, i trend, fanno previsioni, calcoli , ecc. e siccome tutte queste informazioni ultimamente non sono positive , queste persone si fanno condizionare e si scoraggiano, rimandando il loro sogno a tempi migliori.

Oggi voglio affrontare un aspetto psicologico, piu’ che tecnico, nel raggiungimento della liberta’ finanziaria.

Quando parlo di liberta’ finanziaria intendo dire che le entrate automatiche sono pari o superiori alle proprie spese.

Quindi si puo’ affrontare il problema del suo raggiungimento da due punti di vista :
- come aumentare le entrate automatiche ?
- come diminuire le spese mensili ?

Fino ad ora mi sono concentrato sulla prima domanda, ma oggi mi voglio soffermare sulle spese.

Io attualmente ho spese mensili intorno a circa 1300 euro.
Se avessi entrate automatiche pari a 1300 avrei raggiunto il mio obbiettivo e sarei libero finanziariamente, ovvero non avrei necessita’ di recarmi al lavoro per permettermi il tenore di vita attuale.

Attualmente ho entrate automatiche mensili pari all’1,3% delle mie spese.

Va da se’ che per raggiungere l’obbiettivo, devo aumentare le mie entrate automatiche
Se pero’ abbasso le spese , potrei arrivare ancora prima all’obbiettivo.

Oggi riflettevo proprio su questo tema : io e le spese.
Se ci pensiamo bene, non e’ difficile abbassare le spese.
Basta prendere le opportune azioni.
Ho un macchinone da 200 cavalli che mi costa un sacco di soldi tra bollo,assicurazione, benzina, ecc ?
Basta venderla e prenderne una piu’ economica, oppure usare la bici o i mezzi pubblici, laddove possibile.
Come vedete, la soluzione c’e’ e non e’ neanche difficile trovarla.
Certo, magari questa soluzione vuol dire prendere una utilitaria, magari senza l’aria condizionata e altri comfort.

Dunque dove sta la difficolta’ nel ridurre le spese ?
Quello che e’ difficile e’ accettare le conseguenze su di noi derivanti dall’aver abbassato le spese, perche’ e’ umano il sentimento di voler stare sempre meglio, di avere sempre di piu’.
Ma quando questo sentimento si impadronisce di noi , ci ostacola verso i nostri sogni e verso la nostra liberta’.

Conosco persone che hanno entrate molto superiori alle mie e non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese proprio a causa del loro tenore di vita.
Quindi sempre da li’ si passa : dalle spese.
Sono le spese che ci condizionano la vita, piu’ che le entrate.
Rimanere con un tenore di vita basso , da’ la possibilita’ di raggiungere piu’ in fretta la liberta’ finanziaria.

I nostri genitori si adattano di piu’, ma per una semplice ragione : venivano dalle macerie della guerra, non avevano nulla e per molti di loro, il tenore di vita e’ rimasto sempre uguale nonostante l’aumento delle loro entrate.
Attenzione a non confondere il tenore di vita (che corrisponde alle spese mensili) con il patrimonio (che e’ l’insieme dei beni che una persona possiede)
C’e’ chi dalla campagna e’ andato in citta’, e chi ha addirittura fondato aziende, aumentando le proprie entrate.
Per una persona che e’ sopravvissuta alla guerra, quello che guadagna e’ tutto grasso che cola.
Anche se dovessero prospettargli di tornare a mangiare pane e cipolla, saprebbero che si puo’ vivere benissimo anche cosi’ ed e’ un vantaggio psicologico non da poco, per arrivare all’obbiettivo agognato.

Quanti di noi oggi sarebbero preparati psicologicamente a farlo ?

Uscire dalla corsa del topo : quanto sei ricco ? quanto devi diventare ricco per uscirne ?

Per uscire dalla corsa del topo, ovvero per raggiungere la liberta’ finanziaria, e’ importante che le entrate automatiche siano almeno pari alle proprie spese mensili.
In parole povere, se riesci ad avere delle rendite pari a cio’ che spendi ogni mese, puoi smettere di recarti al lavoro ogni mattina.
Quante volte tutti noi abbiamo sognato di vivere di rendita.
Gia’, ma perche’ non trasformare un sogno in realta’ ?

A mio avviso uno dei tanti strumenti per raggiungere tale obbiettivo, e’ mettere del fieno in cascina per utilizzarlo in seguito, con l’obbiettivo di crearsi rendite automatiche.

Gia’, ma con questa crisi dilagante come si fa ?
Meglio non rischiare…
Beh, se la pensi cosi’, non leggere oltre questa riga e ci salutiamo qui.

Non so se avete visto lo spettacolo di Celentano.
A un certo punto esortava la gente a darsi una mossa, a essere felice , ad avere entusiasmo, a prendere l’iniziativa personale a risollevarsi dalla crisi, perche’ la crisi la crea ognuno di noi singolarmente, accettando di piegarsi a un pensiero comune di crisi diffusa che ci martella tutti i giorni attraverso tv, giornali, amici, parenti, ecc.
Ma se i giornali li scrivono i giornalisti, la tv la fanno le persone, gli amici ti parlano della crisi, alla fine la crisi siamo noi.

Caso strano, una settimana fa ho proprio scritto un articolo con lo stesso tema.
Adriano pero’ e’ irraggiungibile.

Negli anni passati era piu’ facile, c’e’ stata abbondanza, e l’iniziativa personale veniva accettata, se non addirittura incoraggiata.
Oggi invece l’abbondanza e’ finita, lo champagne pure, il sistema chiede sobrieta’, rientrare nei ranghi , tirare la cinghia (ancora di piu’ di quanto gia’ non si faccia) perche’ le risorse iniziano davvero a scarseggiare.

Si puo’ considerare vita, una vita che quotidianamente viene soffocata dalla pressione fiscale, dove le opportunita’ lavorative sono sempre piu’ scarse e sempre meno qualitative, dove la creativita’ del singolo viene soffocata a favore del sistema ?
Io credo di no.

Una vita in cui tu lavori tutti i santi giorni per portare a casa uno stipendio , che poi viene ridistribuito al sistema entro i 30 giorni successivi, e poi a te non rimane niente : la cosiddetta corsa del topo.
Allora per garantirti una vita decente, diminuisci le spese , magari fai la spesa al discount, oppure vai a caccia di sconti (quelli che ti propongono i centri commerciali quando gli fa comodo a loro ovviamente), mangi di meno, esci di meno, tiri la cosiddetta cinghia e riesci a mettere da parte qualcosina ogni mese, oppure in casi estremi fai proprio downshifting.
Dovresti gia’ considerarti bravo se ci riesci.
C’e’ gente che non riesce a fare manco quello (vedi articolo precedente)

Ma parliamo della cosiddetta ricchezza.
Cos’e’ la ricchezza ?
Vedi, se hai 100 e poi hai 102, la tua ricchezza e’ aumentata del 2%.

Questo 2% sara’ fieno in cascina poi usarlo per uscire dalla corsa del topo.

Allora, se tu riesci a mettere da parte qualcosa ogni mese, dopo un anno di quanto e’ aumentata la tua ricchezza ?
Ah, ovviamente stiamo parlando solo di ricchezza materiale.
Ci sono altri tipi di ricchezze non tangibili , ma forse piu’ importanti, che affronteremo in futuro.
Allora, dicevamo, facendo il topolino che risparmia, di quanto e’ aumentata la tua ricchezza in un anno ?

Fatti due conti, ti aspetto qui per proseguire il discorso.

Fatto il conto ?

Bene, che risultato e’ venuto fuori ?
Se ti va bene, ti sara’ uscito 2%.
Sei piu’ ricco di prima.
Se continui a questo ritmo, tra 10 anni sarai molto ricco.
Non oso immaginare fra 20 anni.

Bene
Ora ti faccio un’altra domanda.
Sai cos’e’ l’inflazione ?
E’ l’aumento dei prezzi di cio’ che compri abitualmente : benzina, pane, pasta, vestiti, il gas, il biglietto dello stadio, il biglietto del metro’ , i croccantini per il tuo cane.

Sai quando al tg annunciano : aumento delle bollette della luce del +20%, oppure aumento dei biglietti del tram del 15%.
Tutti questi aumenti messi assieme , formano l’inflazione e tu non puoi sfuggirgli perche’ per vivere devi mangiare, vestirti, spostarti, ecc.
Sia chiaro che questi aumenti non avvengono tutti contemporaneamente, ma a periodi alterni.
Un mese aumenta la luce, il mese dopo aumentano le tasse e cosi’ via.

Bene, l’inflazione attuale e’ intorno al 3%.
Significa che ogni euro che spendevi per comprarti la pasta, ora e’ diventato 1,03 euro.

Se la tua ricchezza aumenta del 3% l’anno , sappi che questo 3% lo dovrai usare per pagarti l’aumento dei prezzi.
Quindi solo per stare ‘al passo’ con l’inflazione, la tua ricchezza deve aumentare al ritmo del 3% all’anno.
Nel caso in cui la tua ricchezza sia del 2%, devi addirittura cacciare fuori qualche soldino che avevi da parte, i famosi risparmi sotto il materasso, o sotto la piastrella, come preferisci.
Quindi la tua ricchezza reale e’ uguale all’aumento della ricchezza ‘depurata’ dal tasso d’inflazione, altrimenti stai ancora girando sulla ruota.

Capito l’obbiettivo del gioco ?
No ?
Te lo spiego in parole semplici.
L’obbiettivo del gioco e’ aumentare la propria ricchezza a un tasso superiore a quello dell’inflazione.
Ecco perche’ la chiamano ‘corsa del topo’. Perche’ e’ proprio una corsa.

Una bella sfida.
Sembra un’idea da pazzi voler diventare libero finanziariamente e parlare di ricchezza, quando intorno senti solo parlare di crisi, disoccupazione e austerita’.

In questo blog si parla di come realizzare i propri sogni, allora ti raccontero’ come faccio a raggiungere la liberta’ finanziaria, che e’ solo uno dei miei sogni.
Vivere di rendita, chiamala come vuoi, e’ possibile se sai come fare.
Scordati pero’ di girarti i pollici mentre il tuo conto corrente cresce da solo.
Qui si tratta di realizzare sogni, non di vivere sulle nuvole.
C’e’ da lavorare parecchio, ma e’ un lavorare diverso, e’ un lavorare a un obbiettivo.
Scordati di arrivarci in fretta, non ci sono scorciatoie nella vita.
Scordati di arrivarci rubando, perche’ qualcuno potrebbe rimanere scontento di cio’ che fai. :)
Qui racconto come fare contenti se stessi, lasciando le persone soddisfatte.

Crea la vita che vuoi.

Siamo sicuri che la crisi sia la’ fuori ?

Un conoscente , l’altro giorno ha sollevato la questione del secolo : come mai mi ritrovo a fine mese che ho speso tutti i soldi che ho guadagnato ????

Praticamente spende tutto quello che guadagna e non capisce come sia possibile.

Per mettere da parte qualche eurino a fine mese, o aumenti le entrate o diminuisci le uscite.
Non ce n’e’.

Non potendo al momento aumentare le entrate, abbiamo fatto insieme un’analisi delle sue uscite :
- mutuo
- bollette
- benzina
- cibo
- mensa scolastica dei figli
- sigarette
- calcio
- divertimenti vari
- spese per i figli (libri, vestiti, ecc.)

Tipico tenore di vita da corsa del topo.
Prende lo stipendio per pagare la banca, il tabaccaio, lo stato , ecc. e a lui non rimane mai niente.
Una gran seccatura, vero ?

Poi magari , se sei sposato e hai dei figli, come dice mio cognato, prima vengono i figli, poi la moglie, poi il cane, poi tu.

Tornando a bomba :
Dato che le sue entrate sono fisse (reddito da dipendente) , gli ho chiesto se c’era qualche voce di spesa che poteva ridurre , eliminare o sostituire.
La rata del mutuo assorbe uno dei due stipendi (l’altro stipendio e’ quello della moglie).
Non si puo’ toccare al momento.
Gli ho chiesto se puo’ abbattere la rata del mutuo , ma per farlo dovrebbe prendere una casa piu’ piccola
Non vuole.
Potrebbe abbattere le spese del 16% e guadagnare in salute (quindi doppio beneficio) rinunciando alle sigarette.
Alle sigarette non vuole rinunciare, perche’ dice che gli danno piacere.
Per il calcio vanno via soldi in tesseramento e benzina (3 allenamenti a settimana + partita domenicale)
Potrebbe abbattere i costi del 50% , senza rinunciare a questa sua passione , facendo una partitella a settimana a calcetto.
Per lui fare una partitella a settimana a calcetto e’ deprimente.

I figli e il cibo non li puo’ certo eliminare :)

Le soluzioni trovate gli consentirebbero 600 euro al mese di risparmi da subito.
600 euro che rimarrebbero nelle sue tasche.
In altri termini, 7200 euro all’anno in piu’.

Se pero’ fai cio’ che hai sempre fatto, e non sei disposto a cambiare una virgola del tuo comportamente, otterrai sempre gli stessi risultati
Puoi anche dire addio ai 7200 euro.

Se invece vuoi volare, devi togliere qualche zavorra, almeno per sollevarti da terra e iniziare a respirare un’aria piu’ pulita , vedere nuovi orizzonti che ti invoglino a proseguire il volo.
Per togliere le zavorre, e’ necessario cambiare le proprie abitudini.

Del resto sognare e’ la parte piu’ facile.
La parte difficile comincia col fare
Non e’ proprio facile darsi una mossa , pero’ e’ tutto qui.

‘non posso’ / ‘non voglio’ sono gli ostacoli principali , il nemico numero uno da combattere verso la costruzione del proprio sogno.
Il nostro nemico siamo noi stessi.