Monthly Archives: gennaio 2012

Primo soccorso

Anche il corso di primo soccorso e’ stato portato a termine.
Per uno che aveva paura del sangue e’ stata una bella sfida riuscire a portare a termine
questo corso. :)
Prima del corso temevo che mi avrebbero fatto ‘operare’ ferite con forbicine e cose
cosi’, una roba tipo ospedale da campo…

Invece ci hanno spiegato tutti i traumi possibili immaginabili, le lesioni, e tutto cio’
che ci puo’ capitare.
E’ proprio vero che non siamo mai al sicuro, in nessun posto.
Ad esempio, uno puo’ scivolare, mettere male la gamba ed avere una distorsione, e mentre
cade picchia pure la testa da qualche parte (trauma cranico).
Si lo so, vi state toccando… :) pero’ vi giuro, son cose che se non stiamo attenti
possono succedere.
E’ stato interessante e curioso vedere come operazioni banali come ad esempio rigirare
una persona da prona a supina …ehm…prona = a pancia in giu’, supina = a pancia in
su.
Dicevo, solo questa operazione detta di ‘pronosupinazione’ va fatta con rapidita’, ma

anche con molta cura e delicatezza, perche’ potremmo peggiorare una frattura.
Ci hanno insegnato ad ascoltare il respiro , a controllare se il torace si muove, e che
il nostro compito di soccorritori e’ non peggiorare lo stato del paziente.
Semplice vero ?
E invece no.

Abbiamo sbagliato un mucchio di volte, ma i nostri errori ci hanno fatto capire quanto
siamo superficiali nel trattare le persone quando stanno bene, che replichiamo questo
atteggiamento anche quando stanno male.
“Ma si, cosa vuoi che sia domani gli passera’…”
Invece no.
Siamo un equilibrio delicatissimo
Il corpo umano e il mondo che c’e’ dentro una persona e’ un microcosmo fatto di
emozioni, sensazioni, e’ un meccanismo molto fragile.

Giusto per dirne una qualsiasi, in caso di incoscienza e mancanza di battito cardiaco,
noi abbiamo davvero la possibilita’ di fare la differenza sulla vita di un essere umano,
ma abbiamo solo 4 minuti…
4 fottutissimi minuti in cui possiamo influenzare le sorti di qualcuno.
Se ci pensate e’ un potere enorme che abbiamo e possiamo metterlo in atto con un
semplice gesto, ovvero premendo 30 volte lo sterno per 4-5 cm e alternandolo a 2 ‘soffiate’ nella bocca del paziente (la classica respirazione bocca-a-bocca)

Pensate che bello se grazie al nostro gesto, ridiamo vita a una persona che se l’era
vista brutta.
Bisognerebbe includere questo corso nelle scuole come educazione civica.
Sarebbe piu’ rassicurante sapere che le persone che girano per le strade hanno la capacita’ di salvarci se stiamo male. Una vera e propria ‘rete umana’ di salvataggio ! ,)

E poi ci hanno fatto vedere come batte il cuore grazie alla sua elettricita’ intrinseca.
Capite ? abbiamo della corrente dentro di noi, che ci e’ stata regalata e non dobbiamo
pagare neanche la bolletta per questa energia :)
Possiamo servircene quando vogliamo. Siamo fatti di energia.

E infine abbiamo anche visto cosa succede quando si accumula del grasso lungo le pareti
dei tubicini dove scorre il sangue.
Se si staccano queste pallottoline di grasso (colesterolo) e otturano qualche vaso
sanguigno, poi succedono brutte cose che possono portare persino all’infarto.
Questo grasso deriva dal tipo di cibo che ingeriamo.

Percio’ scegliamo il piu’ possibile cibi sani, poco grassi e facciamo regolare attivita’
fisica in modo che questo nostro sangue scorra ben bene dentro di noi e l’energia
fluisca verso l’esterno, cosi’ le persone intorno a noi saranno felici di stare in
nostra compagnia.
Visto che i tubi del lavandino li teniamo puliti, non vedo perche’ non fare lo stesso
con il nostro corpo.
,)

Spazzatura e pulizia delle strade


Oggi ho trovato su internet una bella frase di qualcuno (o qualcuna) che diceva circa cosi’ :
‘ogni sera quando torno a casa cerco di ripulirmi da tutta la spazzatura che ho incontrato durante il giorno’

Si riferiva a tutte le cazzate con cui siamo a contatto ogni giorno : consigli non richiesti da parte di colleghi, capi, amici (o presunti tali) che ti dicono cosa fare e cosa non fare, parenti, pubblicita’ che ti dicono che devi comprare questo e quello, giornali che ti dicono che c’e’ crisi, tv con quiz che non ci fanno evolvere, che ci mandano messaggi di ogni tipo , che raramente hanno a che fare con cio’ che ci servirebbe per la nostra vita, e che ci distrae da quella che dovrebbe essere (il condizionale e’ d’obbligo visti i tempi che corrono !) la nostra attivita’ principale : la cura della propria vita.

In effetti durante la giornata , a partire dai primi minuti del mattino subiamo una vera e propria invasione di messaggi che ci entrano nella testa e che se non stiamo attenti ci rimangono e si sedimentano , tipo… avete presente le stalattiti come si formano ?
Ecco, proprio cosi’, goccia a goccia, giorno dopo giorno, mica ce ne accorgiamo, ma la nostra attenzione viene deviata ogni minuto dal suo corso naturale e con essa tutti i pensieri, e con essi tutta la nostra giornata.
E giorno dopo giorno, se non stiamo attenti, se non siamo vigili, ecco che la nostra vita rischia di scorrere in un fiume pieno di spazzatura, o nel peggiore dei casi il corso di questo nostro prezioso e unico fiume, viene realmente deviato.
E ci allontaniamo dalla realizzazione dei nostri sogni.

Ecco perche’ e’ importante rimanere attenti, svegli, disciplinati, attivi, non passivi.
Ecco perche’ e’ importante esercitare il potere di scelta.
Per tenere la nostra strada pulita.
Per avere la vita che davvero vogliamo.
Ogni sera bisognerebbe ripulirci di tutte le cose che durante la giornata abbiamo fatto entrare nella nostra vita e che non ci servivano. Ripensiamo al punto in cui le abbiamo fatte entrare e chiediamoci perche’ non siamo stati capaci di tenerle fuori.

Questo non mi serve, percio’ lo scarto anche se mi piace.
Esatto, anche se mi piace.
Eh si, perche’ l’ignoranza arriva in casa vestita in frac.

Buon anno !

Eccoci qui a fare bilanci e progetti.
Il 2011 si e’ chiuso discretamente per me.
Poteva andare meglio, ma tenendo conto delle difficolta’, me la sono cavata egregiamente.

Il mio c/c e’ aumentato del 49%.
Il mio patrimonio e’ aumentato del 9%
Peccato per il lavoro, unica nota stonata, ma e’ tempo di chiudere un ciclo e aprirne uno nuovo.
Nuove prospettive all’orizzonte, un cambio di mentalita’ e nuove competenze da acquisire, per non farsi trascinare giu’ dalle sabbie mobili.
Vivere o niente.

Il 2012 sara’ un anno di investimenti e di numerosi progetti nuovi che mettero’ in cantiere. ,)

Il capodanno a Roma e’ stato uno spettacolo.
Fuochi d’artificio salivano nel cielo per poi scendere dietro il colosseo tutto illuminato.
In mezzo alla folla, il calore di un bacio per festeggiare la fine di un anno e l’inizio del nuovo , e un autoscatto a fargli da cornice.