Monthly Archives: giugno 2010

traguardi

Superato l’esame a pieni voti + deliziosa cena in ottima compagnia per festeggiare degnamente !.
Sono contento.

8 mesi di studio , sbattimenti, concentrazione, ‘testa’ , alla fine hanno dato i loro frutti.

E’ davvero soddisfacente riuscire.
E’ entusiasmante riuscire in qualcosa che ti piace !!

Ti mette ancora piu’ voglia di andare avanti.
Era tutto dannatamente semplice, bastava mettersi a farlo…assurdo…pazzesco.

Riuscire in qualcosa non e’ nient’altro che la somma di tante azioni semplici. 
La parte difficile e’ superare quei momenti dove ti manca la voglia e dietro c’e’ l’ombra della stanchezza che aspetta un nostro momento di debolezza per allontanarci dalla realizzazione dei nostri sogni…
La parte difficile e’ fare le cose piu’ semplici anche quando non ne abbiamo voglia , come prendere in mano il libro e studiare la parte quotidiana anche se vorremmo essere al mare o stare sdraiati sul letto.

Questi sono i veri problemi che ci fanno dire ‘eh, ma e’ difficile, non ce la faro’ mai’
Questa e’ la vera sfida che ci tiene lontani dai nostri sogni…la sfida con noi stessi.
Fare quelle piccole cose che vanno esattamente nella direzione che vogliamo, ma che la nostra testa ci dice di non fare perche’ ‘non suona divertente’..

Come al solito gli ostacoli sono solo dentro di noi.

efficienze

Sono contento della modifica alla mia casetta, ora e’ un pochino piu’ efficiente da un punto di vista energetico !
Diciamo che da oggi  l’ho resa un po’ piu’ ecologica :-D

E’ proprio vero che chi fa da se’, fa per tre …e i cocci sono i suoi !

;-)

Allora, vediamo un po’…

- Sono riuscito a cambiare il paio di scarpe che ho comprato ieri !  (sarebbe stata davvero una seccatura non riuscirci…)
- Ho finito tutto il lavoro che mi e’ stato assegnato (mi sembrava di non riuscire a farcela…e invece…)
- Ho persino sconfitto il mal di testa ! (a furia di ‘picchiarci la testa’ ho trovato il modo di sconfiggerlo eheh)
;-)

Sono soddisfatto…..quasi….

Ci son ancora troppe cose da afferrare, traguardi da raggiungere, disegni da completare…
Mi sento appena all’inizio di una nuova vita, di una vita "2.0"
Una vita ‘nella vita’ appunto.

Mi sento ‘in partenza’, non so ancora bene verso cosa, ma sento che sto ancora facendo i bagagli verso qualcosa che mi entra sempre piu’ dentro ogni giorno che passa… anche se non me ne accorgo…anche se non volessi….come le onde del mare , quando si sta agitando…che avanza sulla spiaggia sempre di piu’ verso di te….fino a tirarti dentro…a meno che non ti sposti in tempo…sempre che uno si voglia spostare…

Cosi’ il mare si porta via le conchiglie dalla spiaggia, cosi’ il destino se ne frega della mia opinione…mi trascina con se’ e basta… a volte ho la forte sensazione che certe cose sarebbero successe comunque…era solo questione di tempo…

Non che quello che mi sia capitato fino a oggi non mi sia piaciuto, anzi !
I ricordi sono tantissimi, vivi nella mia mente, indimenticabili, emozionanti ancora adesso quando ci penso…e son passati moltissimi anni da quei momenti….

Pero’ sento fortemente che e’ ora di fare altro, troppe cose nuove mi attirano, cose che non ho ancora sperimentato, e questa vita e’ troppo troppo breve per continuare a fare quello che so gia’ fare, troppo breve per stare ad aspettare che accada quello che vorrei, troppo breve per aver paura di sbagliare, troppo breve per fare le cose ‘a caso’….

vendesi

Notizia di oggi :

"Crisi economica: la Grecia mette in vendita le sue isole"

La Grecia e’ in ginocchio a causa della (sua) crisi, come puo’ uscirne  ?
Ideona !
Mettendo in vendita forse la cosa piu’ preziosa che ha, cio’ che la rende attraente, ovvero le sue isolette.

Oggi tutto e’ in vendita.
Tutto e’ diventato una merce.

Per ripianare i debiti contratti negli anni scorsi, (s)vende se stessa.

Da dove nascono i debiti ?
Forse da una smaniosa voglia di ‘crescita’…ma che tipo di crescita e’ se si spende piu’ delle proprie capacita’ solo per vivere al di sopra delle proprie possibilita’ e poi si e’ costretti a vendere se stessi in nome dei conti economici ?

Mi sembra un suicidio…il tutto per cosa poi ? per vivere ‘meglio’…ma meglio secondo quale parametro ?
Quello di creare lavoro, sviluppo, economia…soldi soldi soldi…solo soldi.

Quand’e’ che la smetteremo di dare tutta questa importanza al denaro ?

La Grecia vende le sue isole.
Gia’…ma a chi potrebbe venderle ? chi potrebbe comprarle ?
Magnati stranieri.
E una volta acquistate, cosa se ne fanno ?
Ci costruiscono alberghi, resort, infrastrutture.
Ahh…sai che novita’…che guizzo !

Ve lo immaginate il film ‘mediterraneo’ (quello di Salvatores) girato in un’isoletta della Grecia , solo che al posto della macchia mediterranea, all’orizzonte si intravede il resort a 5 stelle e la piscina ?

Del resto cosa potrebbe fregargliene a un russo pieno di soldi di mantenere le tradizioni e la natura dell’isola ?
Non essendo greco non ‘sente’ suo il luogo.

Cosi’ io quando decidero’ di andare su una di queste perle stupende del mediterraneo ci trovero’ le stesse identiche cose che trovo da qualsiasi altra parte del mondo.
Tutto diventa anonimo e uguale, piatto.

L’importanza esagerata che l’uomo sta dando ai soldi sta appiattendo tutto.
Tutto e’ lecito in nome del denaro.

Anche vendere se stessi, la propria cultura, il proprio patrimonio naturalistico, la propria anima.

Verra’ un giorno (e non e’ molto lontano) che un luogo sara’ identico a un altro e i luoghi non ci faranno piu’ provare alcun tipo di emozione e non ci lasceranno nessun ricordo….

Se c’e’ una soluzione perche’ ti lamenti ?
Se non c’e’ una soluzione, perche’ ti lamenti ?

E’ inutile concentrarsi su quello che potrebbe essere e invece non e’.
E’ molto piu’ efficace concentrarsi su quello che e’ possibile fare da subito, e che invece non si sta facendo.

Dopo la mia solita corsa quotidiana, ora una bella doccia fresca , e poi si esce !
,-)

Oggi , non so perche’ , per il secondo giorno consecutivo, mi sono svegliato all’alba.
Forse e’ un messaggio che mi arriva dalla natura ?

Ho apprezzato moltissimo andare al lavoro senza traffico, impiegando 1/3 del tempo che impiego di solito, senza vedere le persone impazzire in coda, arrivare piu’ rilassato del solito in ufficio e sfruttare quindi molto meglio il mio corpo e la mia mente riposati.
In questo modo riesco a rendere molto di piu’ , il tutto in maniera naturale senza fare ricorso alle droghe !  ;-)

Mi piace molto tutto questo, soprattutto mi solletica l’idea di vedere se la mia vita migliora ulteriormente seguendo i ritmi del sole.

A questo punto dovrei andare a dormire alle 21.30 !
Uhm….
Devo solo capire come tutto questo si puo’ conciliare con le mie attivita’ notturne…
;-)

Ieri in una delle rare volte che guardo la tv, sono casualmente capitato su una trasmissione di cui ignoravo persino l’esistenza.
Il presentatore stava intervistando un ragazzo di 25 anni che ha deciso di trasferirsi a Parigi per lavoro.
era un architetto e sosteneva che in Italia non c’e’ lavoro, che per farsi un nome deve lavorare fino a 50 anni e che in Italia non c’e’ una politica a favore dei giovani, insomma i soliti luoghi comuni che ultimamente circolano in Italia.

il presentatore gli ha fatto giustamente notare che se lui volesse , in Italia puo’ aprirsi uno studio di architettura. Nessuno glielo impedisce.
A tale affermazione, il giovane di belle speranze ha replicato balbettando che per avere un bel curriculum come architetto ci vuole tempo, invece li’ a Parigi ti assumono subito
Quindi era solo una questione di tempo.

Aahhh…che bella scoperta…
ok basta dirlo chiaramente.
Mi sta bene, ma allora non lamentarti, non parlare male dell’Italia , perche’ alla fine cercavi solo una scorciatoia, caro il mio giovanotto.
Vedere alla voce ‘opportunismo’ e il non ammetterlo (di essere semplicemente opportunisti) porta all’ipocrisia.
Molto piu’ facile scaricare la propria svogliatezza sull’Italia (che e’ fatta semplicemente di italiani , proprio come il ragazzo che e’ emigrato a Parigi)

Ora io dico una cosa.

Ma perche’ questi benedetti giovani, anziche’ lamentarsi del governo ,  scappare all’estero , stare da mamma’ , non si rimboccano semplicemente le maniche ?

Forse i nostri genitori non hanno fatto lo stesso ?

Dovremmo smetterla di lamentarci aspettando che qualcosa piova dal cielo, come dei vecchi rincoglioniti che non hanno fantasia, che non vogliono faticare, che vogliono tutto e subito, che non sanno innovare il proprio paese, che non lottano per i propri ideali, ma seguono il vento come una bandieruola.

Una volta se prendevi una nave per andare in America eri una specie di pioniere, una sorta di eroe.
Avevi due coglioni grossi cosi’.
Al giorno d’oggi tutti i giovani che hanno una laurea sanno l’inglese e non ci vuole una laurea per prenotare un aereo da internet , affittare un appartamento in una capitale europea e lamentarsi dell’Italia.
 
Tutto qui ? Mi vien da ridere.
Da uno laureato in architettura mi aspetto qualcosa di piu’…

Piu’ difficile e’ invece emergere in questa Italia, ma se non e’ disposto a farlo un ragazzo di 25 anni, che dovrebbe essere pieno di energie, chi altro dovrebbe essere disposto a farlo ? chi ha 70 anni e ha gia’ "dato" ?

La verita’ e’ che nessuno ti regala niente e non puoi lamentarti se prima non le hai provate tutte, ma proprio tutte.
Il futuro in questa Italia ce lo possiamo creare solo noi con le nostre mani !

E poi parlano di ‘bamboccioni’…per forza…bamboccioni lo sono dentro fino al midollo
E aspettano la pappa pronta.
E se non arriva , la si cerca altrove, fuori dall’italia, al primo offerente, insomma dove e’ piu’ comodo.
Proprio come i bambini che fanno i capricci.

Quest’Italia e’ vecchia dentro , non a causa dei vecchi, ma proprio a causa dei giovani che hanno rinunciato a se stessi, hanno rinunciato a lottare per i propri ideali.
I nostri genitori invece hanno lottato da giovani, e noi non ci siamo ancora svegliati dal sonno….e se non lo facciamo noi, non lo fara’ nessuno al posto nostro.

Loro hanno ereditato un paese distrutto dalla guerra, hanno lottato per ricostruirlo e poi hanno fatto molto di piu’, hanno lavorato duro per costruirsi una casa, per dare un futuro ai propri figli.
E nessuno gli ha regalato nulla.
Se lo sono costruito il loro futuro qui in Italia, ed erano messi peggio di noi.
O forse meglio.
Visto che loro ci hanno fatto studiare, ci hanno dato la paghetta, insomma non ci hanno fatto mancare proprio nulla, col risultato che ci hanno dato i mezzi, ma ci hanno tolto gli scopi.

Ora tocca a noi ritrovare i sogni perduti e realizzarli, anziche’ continuare a lasciarci sedurre dal bello ma effimero, dalle cose belle in quanto facili, ma prive di senso.

Ma ora e’ giunto il momento di mettermi a studiare per il corso…per realizzare il mio sogno !
;-)

Oriente

Che settimana ! Quante emozioni da capogiro.
Un fondersi di colori, odori, sapori , esperienze.
Stare sospesi al di fuori dello spazio e del tempo.

La Cina e’ davvero bella bella !

Un popolo al servizio dell’imperatore.
Un popolo compatto, formato da tante minuscole persone tutte uguali come tessere di un mosaico, che messi assieme formano un’onda capace di travolgere tutto e tutti.

Un popolo capace di opere d’arte come queste :

Un popolo molto vicino ai segreti piu’ profondi di questa nostra vita.
Una cultura millenaria che rischia pero’ di venire spazzata via dai venti occidentali.

Ci sono state alcune cose che hanno attirato particolarmente la mia attenzione.

Questo simpatico ‘cibo’ in una pittoresca via di Pechino
:-)

Gli orologi dell’aeroporto di Dubai, e il lusso diventa ’pop’ eheh
,-)

Bei momenti, relax, divertimento e tante tante piacevoli sorprese
Nuove mete pero’ si profilano gia’ all’orizzonte.
Si va avanti con rinnovato entusiasmo.

Devo studiare per il corso. L’esame si avvicina.
Devo rimettermi un po’ in forma, oggi ho gia’ ripreso con la corsa quotidiana.
Devo anche controllare lo stato delle mie finanze, ho speso parecchio ultimamente, dunque devo implementare un efficace piano di risanamento !  ,-)

Storie di aerei e di coraggio

Nella vita ci sono cose che cerchiamo e ci sono cose che ci capitano e basta.

Il sole
I tuoi baci
Una spiaggia caraibica
Il sole che tramonta dietro la montagna
Le tue gambe fra le mie
Le giornate dove tutto sembra bello, anche svegliarsi presto la mattina 

Dove andiamo oggi ? 

I raggi del sole che colorano di rosso la pelle
Le labbra morse
Il tuo corpo che sa di lei
Frutta tropicale fresca dolce e succosa…
E poi di nuovo in acqua, e carezze e baci

ubriachi di vita, mai stanchi.

dove andiamo stasera ?

strawberries

Tante cose in cantiere in questo periodo.
Tanti piccoli aggiustamenti che stanno portando frutti.
Tanti bei piccoli frutti, come un campo di succose fragole.

E’ incredibile come la nostra vita puo’ migliorare giorno dopo giorno…

Ho trovato una risorsa fantastica , e’ bastato mettersi a cercarla.
Ora si va avanti.
E’ proprio vero che… chi cerca, trova !
,-)