Monthly Archives: marzo 2010

riflessioni

Oggi mi hanno cercato praticamente tutti !
E’ sempre bello dedicare del tempo a chi ti cerca per sapere come stai.

Oggi pensavo alle vite delle persone.
Occhio che sto facendo stretching alle dita …cric..croc…occhio che oggi sono in ‘buona’…mi sta venendo l’ispiracion  :-D

Non ho mai avuto una vita cosiddetta ‘normale’.
Eppure ho sempre voluto averla, nel senso che gli obbiettivi fino all’altro ieri son sempre stati quelli di tutte le persone intorno a me…lavori, ti fai la casa, ti sposi, metti su famiglia, ecc.
In effetti poi alla fine le cose le faccio, perche’ in certi valori ci credo, pero’ non so perche’ non mi son mai sentito ‘allineato’ con gli altri, mi son sempre sentito ‘fuori posto’ , o meglio han tentato di farmi sentire fuori posto (peraltro fallendo nel loro tentativo eheh), eppure io pensavo sempre ‘boh…ma che hanno da guardarmi in quel modo ? io sono felice cosi’. Non posso volere di piu’ "
O meglio, io avrei voluto di piu’…si…forse un domani pero’…intanto quello che avevo mi bastava :-)

Ma siccome sono ‘sfasato’ rispetto all’eta’ in cui gli altri fanno le varie cose (come se ci fosse un’eta’ per tutto…mahh…) mi hanno sempre guardato storto perche’ non facevo le cose che fanno "tutti quelli della mia eta’ "

Ma se l’obbiettivo e’ stare bene con se stessi, com’e’ possibile che se osservo la vita delle persone che mi guardano ‘storto’ , alla fine mi accorgo che son proprio quelle che nella loro vita hanno un sacco di problemi ?
C’e’ qualcosa che non mi torna…

Dunque, dovrei seguire le loro orme per sentirmi infelice e incazzato come loro ?
E per quale motivo ?
Ah gia’….perche’ alla mia eta’ *bisogna* farle.
ahahah !

ehm…

Se fare le cose nella propria vita vuol dire solo ‘perche’ si ha l’eta’ per farlo’ …beh…sticazzi !
Son sempre stato fondamentalmente contento e mi sento fortunato.
Cosa ho fatto di cosi’ speciale ? Nulla !
Ho fatto delle ‘pazzie’…perche’ e’ cosi’ che le persone a cui le ho raccontate hanno apostrofato le mie iniziative…a me sembrava la cosa piu’ naturale del mondo farla in quel momento della mia vita, poco mi importa se non le ho fatte seguendo strade gia’ battute da altri…boh…che devo fare ?
vivere la vita di altri per poi sprofondare nel grigiore della vita di tutti i giorni ?

Da sempre penso che io debba fare le cose solo quando me la sento, cosi’ mi vengono al meglio, sono in pace col mondo e piu’ sono contento io, piu’ sono contenti gli altri perche’ non vado a fare danni in giro a spaccare vetrine o a piegare i lampioni di notte o a pasticciare i vagoni della metropolitana.
La gente risolve i propri problemi interni sfogandosi col mondo, pensando forse che cosi’ si toglie un peso.
Invece il problema interno rimane irrisolto, proprio perche’ si puo’ affrontare solo internamente.
Ed e’ cosi’ eccitante affrontare le proprie paure e risolverle ! Si fanno un sacco di passi avanti, e si ricavano soddisfazioni per tutta la vita.
Poter andare oltre i propri limiti interni e pensare ‘ce l’ho fatta !’
E’ quasi afrodisiaco.

E ho sempre pensato (ingenuamente) che anche gli altri facessero come me.
Ecco perche’ guardavo le persone con aria tranquilla e disponibile, perche’ pensavo che fossero tutti buoni e tranquilli come me e che ognuno di loro si facesse sempre un esame di coscienza quando sbagliava.
Del resto il concetto e’ semplice : fai quello che ti piace quando te la senti (No vabe’ , sparare agli altri e’ escluso dalla lista delle cose che si possono fare !! :-) 
La mia liberta’ finisce dove inizia quella degli altri. (questa l’ho copiata)

Se sbagli , cerca di capire dove hai sbagliato, cosi’ la prossima volta potrai relazionarti meglio col mondo.

Tornando alla mia "sfasatura", penso a questo punto di essere sfasato rispetto agli altri, un po’ come l’ora legale e l’ora solare…ecco mi sento piu’ "ora legale" che non ho mai capito perche’ viene nominata come se fosse la pecora nera tra le due, come qualcosa di artificiale (gia’ il nome fa schifo…ora "legale" …ma chi l’ha decisa ? un avvocato ?), mentre invece l’ora solare sembra quella ’giusta’, la sorellina brava, quella che fa tutti i compiti , insomma la preferita della maestra.
Insopportabile.

Invece a me sembra piu’ giusta l’ora legale perche’ la nostra giornata, quando c’e’ l’ora legale, e’ piu’ tarata sulle ore di sole…boh…a me sembra piu’ sensata l’ora legale…e’ cosi’ bello quando alle 19 c’e’ ancora chiaro…

Io riesco a fare piu’ cose in primavera-estate che in inverno…

Invece no , l’ora solare si chiama cosi’ perche’ segue il sole…e quindi e’ piu ‘giusta’ ….pero’ io mi alzo la mattina e fuori e’ tutto buio.
MAH !  :-O

Cosi’ io mi sento sempre ‘ora legale’ , cioe’ faccio le cose che mi piacciono , quelle che mi sento di fare (non vedo quali dovrei fare…quelle che non mi piacciono?), ma vengo sempre visto come quello ‘diverso’.
E se fossero gli altri quelli ‘diversi’ ? 
Quelli che si sposano solo perche’ ‘devono’.
Quelli che lavorano 15 ore al giorno.
Quelli che litigano con tutti.
Quelli che ‘so tutto io’

E se iniziassimo a chiederci se ci e’ piaciuta la nostra giornata prima di andare a dormire ?
E se iniziassimo a chiederci cosa abbiamo sbagliato durante il giorno, prima di andare a nanna ?
E se iniziassimo a chiamare ‘ora solare’ quella che segue il flusso del sole ?
E se iniziassimo a fare l’amore con la propria donna anziche’ continuare a chiederci perche’ ci rompe sempre le scatole ?

Non sarebbe piu’ semplice e naturale ?
Esattamente come dovrebbe essere la vita delle persone.

Ve l’avevo detto che oggi ero… ‘carico’
:-)

temporale

Quanta acqua e’ venuta giu’ ieri !

Vedere il cielo coperto di nuvoloni verde scuro fa sempre un certo effetto…
 

le prime sere chiare…

Aspettare che il chiasso della domenica si ritiri stanco a casa.
Godere dei benefici del primo giorno di ora legale, quando finalmente dopo un lungo lunghissimo inverno, alle 19 c’e’ ancora il sole, dopo una giornata di un cielo colore blu intenso, quasi scuro, talmente era tersa l’aria.

Dopo una giornata di questo tipo, il tramonto assume tinte vivaci e altrettanto intense.

Solo alle 19 di una domenica del genere, tutto appare calmo , e solo alle 19 di questa domenica e’ stato possibile sentire l’odore dell’erba falciata, farsi accarezzare dalla brezza tiepida senza sentire freddo, avere il cielo ancora chiaro, sentire gli uccellini che ancora non sono andati a nanna, sentire il proprio cuore che batte e che spinge sangue in corpo, sentirsi in armonia totale con l’ambiente e la natura….e stare attento a non inciampare nel leprotto-che-mi-ha tagliato-la-strada, mentre stavo facendo la mia corsetta quotidiana !
azz…

;-)

primavera

Lo sapevo che non mi avrebbe tradito !!

A novembre le erano cadute tutte le foglie e si era tutta rinsecchita.
Sembrava morta…
Ha anche preso un sacco di freddo.
Quando uscivo o magari quando rientravo da casa nelle gelide notti di inverno, la guardavo ricoperta dalla neve e pensavo ‘chissa’ se sei ancora viva…boh…vediamo cosa succede in primavera’

Oggi sono spuntate le prime gemme !!  ;-)
Lo sapevo che eri solo andata a dormire un po’…

tivibi’ :-)

Scusa non ho capito
vuoi ripetere, che cosa avevi da fare
di tanto importante
da non potere proprio proprio rimandare.
Non mi dire, ti prego
non mi dire che dovevi solo studiare
e ti sembra un buon motivo,
questo, per non farti neanche "sentire"!
Sì ti ho capito
t’interessa più la scuola
e poi del resto chissà come sei brava
ma scusa
tra i vari interessi che hai
dimmi che posto mi dai!

Ti voglio bene
non l’hai mica capito
ti voglio bene
lascia stare il vestito
ti voglio bene
non cambiare discorso dai non scherzare!
Ti voglio bene
smetti di giocare
ti voglio bene
a un certo punto ti devi "dare"
ti voglio bene
non puoi farti eternamente corteggiare!

Scusa cosa me ne frega del vestito che hai
mi piaci come sei
non mi devi trattare come tutti quei maschietti
che ogni tanto "ti fai"
chissà che cosa pagherei per poter vedere dentro
quella testa cos’hai
se mi stai prendendo in giro guarda che ti giuro
non ti perdonerei!

Ti voglio bene…non capisci niente…
Ti voglio bene…bene un accidente
Ti voglio bene…nonostante tutto
TI VOGLIO!

(ti voglio bene… uuh!)
(ti voglio bene… uuh!)
(ti voglio bene …uuh!)

:-D

Romanticismo

Ieri ho avuto la prova che il romanticismo esiste ancora !
In un mondo dominato dalla convenienza, esistono ancora delle scintille di romanticismo.

Una cantina sovrastata da una volta seicentesca, intrisa dall’odore dei vini.
Il gestore che ti parla come si fa con una persona e non come si fa con un cliente, che ti trasmette la fatica del suo lavoro, ma anche la passione e la soddisfazione con cui lo fa.

Senza trucco senza inganno.
Senza operazioni di marketing volte a ottenere il massimo profitto possibile nel minore breve tempo possibile.

La forza della passione e delle proprie idee e’ un qualcosa di duraturo come i legni delle botti in cui sono invecchiati quei vini.
Il romanticismo esiste ancora in Italia ;-)

Credo che oggi avrei potuto fare qualsiasi cosa mi fosse stata proposta.

E’ bello uscire dall’ufficio e stamparsi contro un tramonto da opera d’arte.
Ecco il sole, li’ davanti a me, che si sta per nascondere dietro gli alberi e le case.
Eccolo li’, timido e pigro che va a dormire.
Eccolo li’ il disco, ancora rovente, ancora rosso fuoco.

Anche le persone al centro commerciale mi sembravano tutte belle, molto indaffarate con le cose di tutti i giorni, mentre a me non importava nulla delle cose di tutti i giorni.
Ho troppa voglia di costruire , di fare cose nuove per preoccuparmi delle cose che ho fatto e rifatto un miliardo di volte.

Non ci sono limiti alla liberta’ di fare.
Non ci sono limiti alla voglia di fare.

Alzare la testa e vedere spazi sconfinati dove si vuole andare, dove si puo’ andare, dove e’ possibile arrivare.

aria di primavera

Sento l’odore del rinnovamento, sento l’aria della primavera che inizia ad affacciarsi, a pizzicarmi, ad entrarmi dentro.
Oggi inizio a sentirla…
Mi piace.

Sento quell’odore tipico delle sere fresche di primavera, le sere di maggio, dove tutto sembra pulito, trasparente e leggero.

Mi piace.

semina e raccolta

Anche ieri un’altra negoziazione andata a buon fine !  ;-)
Sono soddisfatto del risultato ottenuto.

Eppure non basta….

Inverno di lavoro, tanto lavoro, forse troppo.
Ma nonostante la voglia di evasione e di leggerezza oggi sia prepotente, non riesco a fare a meno di pensare che tutto questo ‘lavoro’ sia necessario, obbligato per raggiungere gli obbiettivi prefissati e vivere tranquillo in futuro.

I genitori e i nonni mi hanno sempre ripetuto ‘prima il dovere poi il piacere’
Ok , mi sta bene quest’ordine , anche perche’ quando il piacere viene prima del dovere, viene meno l’effetto afrodisiaco del "piacere" e il "dovere" sembra pesare di piu’

Pero’ a che serve lavorare se poi non raccogli ?
E quando si puo’ stabilire con certezza che non stiamo raccogliendo ?
E’ tutta questione di tempo.
Siamo alle solite.
Cronos ci guarda dall’alto…

Li’ ci rendiamo conto dove sono i nostri limiti, dov’e’ la nostra soglia di sopportazione, dove sono le nostre colonne d’ercole.

Portare pazienza aiuta a spostare l’asticella piu’ in la’, a renderci ancora piu’ forti.
Portare pazienza per non rendere vano l’impegno profuso verso le cose che contano.
Questa societa’ non e’ piu’ abituata all’impegno , i tempi si sono ridotti tantissimo, forse troppo e gli effetti sono visibili nella societa’ moderna dell’usa&getta.
Se non si hanno risultati immediati allora non ne vale la pena.
Ma come tutte le cose immediate , l’effetto di piacere e’ momentaneo.
Poco impegno, poche soddisfazioni.
Solo fuochi di paglia.
Invece e’ cosi’ bello il fuoco di un camino con dei bei tronchi spessi e pesanti che bruciano.
Dura di piu’ e scalda di piu’ il corpo e l’anima.
Solidita’, equilibrio interno.

Quando leggevo la favola dei tre porcellini , tra tutti e 3 alla fine preferivo sempre la casetta di Jimmy , quella fatta di calce e mattoni.
;-)

Adesso e’ ancora tempo di semina, sono certo che arrivera’ anche la stagione della mietitura (se si e’ seminato bene ovviamente !)
Portare pazienza.  ;-)

legge di causa – effetto

Dovrei mettere via gli scarponi da neve anziche’ lasciarli in giro per casa , del resto tra un po’ e’ ufficialmente primavera…

Cosi’ forse la smette di nevicare anche il 10 marzo !!

E poi dicono che non esiste la legge "causa-effetto"

;-D

Invictus

Ho visto il film ‘Invictus’.

Toccante.

Pieno di speranza.

"Dal profondo della notte che mi avvolge buia come il pozzo piu’ profondo
che va da un polo all’altro
ringrazio quali che siano gli dei
per la mia inconquistabile anima.
Nella morsa della circostanze,
non mi sono tirato indietro, né’ ho pianto.
Sotto i colpi d’ascia della sorte,
il mio capo sanguina, ma non si china.
Più in là, questo luogo di rabbia e lacrime
appare minaccioso ma l’orrore delle ombre e anche la minaccia degli anni
non mi trova e non mi troverà spaventato. Non importa quanto sia stretta la porta, quanto piena di castighi la vita.
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima."

E’ stato bello tornare nella mia ‘storica’ palestra dopo tanto tempo, vabe’ per un semplice preventivo :-) , e in 10 minuti tanti volti noti che ti salutano e ti chiedono come stai , che fine avevi fatto, e tutti gentili e col sorriso, un minuto del loro tempo che ti viene donato per sapere come stai, ti fa capire che comunque avevi lasciato un bel ricordo di te.
Ogni minuto c’era qualcuno che mi riconosceva e mi salutava.
Una bella energia positiva e serena.

‘ah ecco dov’eri finito mortacci tua !! mi devi 200 euro !!!’
no vabe’, scherzo, non devo restituire soldi a nessuno :-P

Persino la direttrice della palestra, che conoscevo da un bel po’, mi ha salutato come se fossimo amicissimi di vecchia data, ed era entusiasta del mio ritorno.
Bella forza , direte voi, io per loro sono un cliente = gallina da spennare = €   :-)
E invece mentre questo sarebbe la prima cosa a cui pensare, non funzionerebbe ad accaparrarsi me come cliente, se davvero l’entusiasmo e il calore con cui sono stato accolto fosse solo per spillarmi quattrini.
C’era un sincero interessamento a me , sempre come cliente ovviamente, perche’ lo trasmettevano con i gesti e le parole e non c’e’ nulla di male nell’accogliere un cliente in modo caloroso per "accaparrarselo"
E’ un comportamento assolutamente onesto e integrale.
Ci sta che loro vogliano guadagnare con me.
Del resto mica aprono una palestra per beneficienza !!
Cosi’ come e’ onesto accogliere il cliente come una persona (e non come un cliente da spennare),  interessarsi a lui, a come sta, a cosa gli serve come tipo di abbonamento.

Questo atteggiamento fa la differenza tra un’azienda di successo e una che pensa limitatamente a come spennare i clienti.

E poi comunque gli abbonati della palestra erano miei amici , non sono pagati da nessuno, insomma come sono entrato li’ dentro ho sentito calore umano.
Bello bello !

——-

Oggi ho spaccato il porcellino !  :-)
No vabe’ non l’ho rotto, e poi non e’ neanche un porcellino, in piu’ mi piace troppo per romperlo : fa arredamento !!
Diciamo che l’ho solo aperto per capire a quanto ammontano le mie immense ricchezze accumulate con fatica in questi due anni

il risultato e’ stato il seguente.

monete da 1 cent = 82
monete da 2 cent = 97
monete da 5 cent = 50
monete da 10 cent = 26
monete da 20 cent = 18
monete da 50 cent = 7
monete da 1 euro = 3

Per un totale di : 17 euro e 14 centesimi (puff…che fatica …spero di aver fatto i conti giusti !!!)

Di questo passo vivro’ di rendita ai caraibi !

:-D