Monthly Archives: novembre 2009

Illusioni

La zebra e’ nera a strisce bianche o e bianca a strisce nere ?

Piove (ancora)

Il sonno e’ vita

Stamattina stavo dormendo cosi’ bene….infatti non ha suonato la sveglia !
Fortunatamente la mia vicina di casa ha una macchina abbastanza rumorosa da svegliarmi e al mattino esce all’orario giusto :-)

Mentre la gioia per aver dormito bene si scontrava col nervoso per aver rischiato di entrare in ritardo al lavoro, senza volerlo, su internet ho trovato casualmente questo :

Scriveva l’imperatore Adriano all’amico Marc’Aurelio : «Che cos’è l’insonnia se non la maniaca ostinazione della no­stra mente a fabbricare pensie­ri, ragionamenti, sillogismi e definizioni tutte sue, il rifiuto di abdicare di fronte alla divina incoscienza degli occhi chiusi o della saggia follia dei sonni? L’uomo che non dorme si rifiu­ta più o meno consapevolmen­te di affidarsi all’onda delle co­se»

Ora sono consapevole che e’ giusto che stamattina sia andata cosi’ e sono contento perche’ tutto ha un senso.
Sono arrivato al limite.
Ho dormito bene, piu’ che potevo, e sono riuscito a entrare in orario al lavoro !
Non posso volere di piu’. ;-)

Ricordati che sta nascosto dentro di te ciò che muove i fili della tua esistenza, ed è attività, è vita, è l’uomo, se così si può dire. Non confonderlo mai, quando te lo immagini, con l’involucro che lo avvolge, né con gli organi che gli sono stati modellati intorno

E nell’aria ancora il tuo profumo dolce caldo e morbido…
come questa sera.
Mentre tu non ci sei piu’ …

La nostra pelle a contatto, come una calamita.
Il tuo sapore buono, come un raggio di sole che si fa strada tra le nuvole.
Quante cose che non sai, quante cose che non ti ho detto
Quante cose che vorrei dirti.

Se solo lo vorrai, sara’ di nuovo stupendo
E quel giorno non mi perderai piu’…

Acquisti

Oggi sono molto …spirituale e filosofico… (se se)

Voglio comprarmi un giubbotto di pelle con felpa e cappuccio
Devo anche comprarmi un paio di scarpe…

Comprare quello che ci piace e’ importante, perche’ anche questo contribuisce alla nostra felicita’.
Inoltre, tra ‘voglio’ e ‘devo’ c’e’ una bella differenza !

Indovinate qual e’ ?

;-)

Istanti

Istanti

Se io potessi vivere nuovamente la mia vita
nella prossima cercherei di commettere più errori.

Non tenterei di essere tanto perfetto, mi rilasserei di più
sarei più stolto di quello che sono stato,
in verità prenderei poche cose sul serio.

Correrei più rischi, viaggerei di più, scalerei più montagne,
contemplerei più tramonti e attraverserei più fiumi,
andrei in posti dove mai sono stato,
avrei più problemi reali e meno problemi immaginari.

Io sono stato una di quelle persone che vivono sensatamente,
producendo ogni minuto della vita.

E’ chiaro che ho avuto momenti di allegria,
ma se tornassi a vivere, cercherei di avere soltanto momenti buoni.

Perché di questo è fatta la vita,
solo di momenti da non perdere.

Io ero una di quelle persone che mai andavano da qualche
parte senza un termometro, una borsa d’acqua calda, un ombrello e un paracadute:
se tornassi a vivere, viaggerei più leggero.

Se io potessi tornare a vivere, comincerei ad andare scalzo
all’inizio della primavera
e continuerei così fino alla fine dell’autunno.

Girerei più volte nella mia strada, contemplerei più aurore
e giocherei di più con i bambini.

Se avessi un’altra volta la vita davanti…
Ma, vedete, ho ottantacinque anni e non ho un’altra possibilità.

Io invece di anni ne ho molti ma molti di meno e mi sento fortunato a sapere che posso ancora fare tutto cio’ che avrebbe voluto fare il tizio che ha scritto questo testo :-)
Ogni giorno rinunciamo a fare un sacco di cose pensando che abbiamo tutto il tempo per farle piu’ avanti…
Se non iniziamo da subito, un bel giorno ci ritroveremo vecchi e diremo le stesse cose del tizio…

La prima linea

Ho visto il film ‘la prima linea’, con Scamarcio e la Mezzogiorno.

A parte Scamarcio che ha sempre la stessa espressione, il film descrive molto bene un periodo, la fine degli anni 70 che coincide con la fine di una certa ideologia abbastanza estrema.
Il personaggio di Susanna , interpretato da Giovanna Mezzogiorno alla lunga emerge forse anche piu’ del protagonista interpretato da Scamarcio.

Mi colpisce la scelta di Giovanna Mezzogiorno, questa bella attrice italiana che recita sempre ruoli sempre particolari e anche un po’ difficili.
Ha grinta da vendere.

Mi piace.

Sfide…

Bellissimo weekend quello appena trascorso , pieno di adrenalina e di emozioni.
Esperienze nuove, persone nuove…situazioni nuove , forse uniche perche’ non si ripeteranno.

Tante vite si sono incrociate in questo weekend, ognuna per motivi diversi si trovava dove mi trovavo io…cosi’ vicini eppure cosi’ lontani…

Nel cambiamento trovo sempre un misto di timore , di eccitazione e di bellezza.
Il timore sta nel vivere il cambiamento, che poi si trasforma in eccitazione a causa delle nuove sensazioni che ci penetrano nel corpo, e assume i contorni di qualcosa di bello man mano che ci si allontana dallo shock dell’attimo in cui ti tuffi nella novita’.

E piu’ passa il tempo piu’ il ricordo di quel giorno diventa bello…
Ti ricordi quanto eri in ansia e tutte le cose nuove e particolari che ti sono capitate in quel giorno…il posto in cui eri, le risate coi tuoi compagni di avventura/sventura, gli imprevisti, tutto diverso dalla normalita’ di tutti i giorni, le sue luci , i suoi suoni diversi, tutto diverso dal solito…ma cosi’ vivo…perche’ ricordi sempre con piacere qualcosa che ti ha emozionato nel passato e che non ritornera’ piu’…

Perche’ non ha senso vivere se non si provano emozioni…

Sto facendo molte scelte importanti in questo periodo, e non so dove mi porteranno, non so dove mi trovero’ tra qualche anno…so dove voglio andare, ma non so dove saro’.
Una cosa e’ certa : voglio avere una persona accanto per la vita, che sappia condividere con me tutte le avventure che affrontero’ nel resto dei miei giorni.
Voglio sceglierla in mezzo a tante, in modo da starci assieme il piu’ a lungo possibile…possibilmente per tutta la vita….perche’ ora voglio altro.
Nuove sfide. Nuove sensazioni. Nuovi insegnamenti. Crescita.
Ma non c’e’ felicita’ se non hai qualcuno con cui condividere le tue grandi e piccole esperienze, con cui gioire delle tue vittorie e con cui lamentarti e sfogarti nei giorni difficili, quando vedi solo la fatica e sei ancora troppo lontano dalla vetta.

Non si muore sfidando se stessi e affrontando la vita… perche’ questa E’ la vita !
Si muore solo ripetendo le stesse cose tutti i giorni.
E’ una morte lenta e inesorabile…si perde la voglia di fare qualsiasi cosa…a meno che non si decida di rialzarsi.
C’e’ piu’ gusto nel mettersi in gioco, nello sfidare se stessi, nel crescere, nel migliorarsi anche facendosi un po’ male, imparando dai propri errori, impegnandosi per non rifarli.
E mentre siamo impegnati a fare tutto questo, siamo troppo coinvolti per renderci conto di una grande cosa…

Intanto qui continua a piovere, per il settimo giorno consecutivo manca il sole e inizio a sentire il desiderio di luce…e non solo in senso meteorologico..solo gli eventi emozionanti degli ultimi giorni , mi hanno distratto da tutto cio’.
Non puo’ piovere per sempre… :-)
Dunque teniamo duro, perche’ ne vale la pena.

Quando ci fermiamo per guardare indietro al passato, a vedere cosa abbiamo combinato, e’ li’ che ci rendiamo conto di quanto e’ stato bello soffrire e gioire…e’ li’ che ci rendiamo conto di quanto siamo stati vivi in quei giorni…

E’ in quel momento che ci rendiamo conto di quanto e’ bella la vita.

yaaawn #2

Oggi non ho voglia di fare niente.
Se invece penso al futuro , mi attendono parecchie sfide ! :-)

Mi trovo in un campo di grano , giallo…caldo e assolato , avvolto dai dolci pendii delle colline circostanti…e sullo sfondo , nel cielo in lontananza appaiono nubi nere e minacciose…
Tra non molto iniziera’ a sollevarsi il vento…e ad agitare le spighe…

Qualcosa dentro invece si e’ mosso gia’ da tempo…

Paure

Ho notato che le persone sono sempre piu’ inquiete…sempre piu’ preoccupate per ogni cosa….
E ho notato che sono preoccupate perche’ hanno mille paure.
C’e’ sempre la paura di mezzo.
Paura di sbagliare
Paura di non essere ricambiati
Paura di rimanere delusi.
Paura di tutto.

Eppure viviamo in un’epoca in cui abbiamo tutto (almeno noi occidentali, noi italiani)
Il livello medio della salute e’ molto buono, non abbiamo guerre ne’ malattie.
siamo una popolazione con un reddito medio pro capite abbastanza alto.
Insomma non ci mancano i beni primari.
Eppure siamo sempre piu’ insoddisfatti
Me ne accorgo parlando con le persone qui intorno a me.

Sembrerebbe assurdo e senza senso, ma provando a ragionarci su, riesco a trovare una spiegazione.
Se c’e’ un’insoddisfazione ci deve pur essere un motivo.

Come mai abbiamo paura ?
Di cosa abbiamo paura oggi ?

Nei discorsi delle persone sento tanta ma tanta paura dell’incertezza, del futuro.
Cerco di capire se e’ una cosa della nostra epoca, cerco di capire se le cose stanno peggiorando, ma se penso al passato, non mi sembra che le cose stiano peggiorando riguardo le incertezze e i dubbi sul proprio futuro.
Sento parlare di crisi da quando ho imparato a parlare…ed e’ passata una trentina d’anni…
Dunque la crisi c’e’ sempre stata e siamo ancora qui , vivi e vegeti, dunque non e’ cambiato nulla.
Solo per questo fatto dovremmo stare tranquilli e andare avanti nella vita rilassati.

Cos’e’ che non ci soddisfa oggi ?
Non guadagnamo abbastanza ?
Cosa ci facciamo coi soldi che guadagnamo ? In che modo utilizziamo le nostre risorse ?

Ma soprattutto , come ci muoviamo nel mondo ?
Sappiamo chi siamo ?
Abbiamo fatto tante scuole, studiamo moltissimo rispetto al passato, sappiamo tutto eppure siamo spaventati lo stesso da un mostro che in realta’ non sappiamo neanche che aspetto abbia…non sappiamo neanche dove sia questo mostro…incomincio a pensare che questo mostro non esista neanche…dato che non lo vedo…e non lo sento…

Ma di cosa stiamo avendo paura ?

Perche’ pensiamo sempre di non farcela a tirare la fine del mese e di non riuscire a pagare i nostri debiti ?
Perche’ non ci sentiamo mai all’altezza ?
Perche’ dobbiamo sempre paragonarci a qualcosa da raggiungere senno’ ci sentiamo falliti ?

Quali sono i nostri obbiettivi di oggi ?
Comprare il SUV ? Avere una bella casa ? andare in televisione ? Avere il posto di lavoro fisso ? trovare una persona che ci ama ?
Come e’ possibile vivere tranquilli se gli obbiettivi sono all’esterno di noi ?

Sarebbe come pretendere che ci fosse sempre il sole.
Eppure l’uomo sopravvive anche con la notte…con la pioggia, col vento e col sole…

Non sara’ la fine del mondo se non possiamo comprarci il SUV , se non andremo mai in televisione , se perderemo il posto di lavoro.
Noi saremo sempre comunque vivi (finche’ non moriamo!)

Dunque finche’ siamo vivi , noi siamo la nostra piu’ grande risorsa !!!
La nostra vita inizia con noi e finisce con noi.
Tutto il resto ci ruota attorno.

Con tutti gli studi che abbiamo fatto, nell’intera umanita’ mondiale non mi risulta sia ancora stata istituita la scuola piu’ importante di tutte … nessuno ci ha insegnato a vivere, a conoscere noi stessi, a scoprire chi siamo, a esaltare le nostre potenzialita’ per muoverci nel mondo con sicurezza.
Ed e’ anche difficile insegnarlo perche’ non c’e’ una ricetta universale…in fondo ogni persona e’ un mondo a se’.

Dunque il nostro destino come razza umana , e’ quello si soffrire per estinguerci ?
Non mi pare , dato che la popolazione mondiale e’ in costante aumento.
In fondo la nostra casa e’ accogliente, si sta bene sul pianeta terra :-)

E allora abbiamo ancora paura ? Paura di cosa ?
Paura della vita forse…

La vita ci fa paura, vediamo solo le cose brutte della vita, dimenticandoci di averne una sola..
Cerchiamo di soffrire il meno possibile non accorgendoci che nel momento in cui abbiamo paura della sofferenza ci stiamo gia’ facendo del male…

"tutto cio’ che non ti uccide ti fortifica" diceva qualcuno…lo aveva gia’ capito tanti anni fa…ma noi mi sa che ci siamo fatti scappare la soluzione per uscire da questa inquietudine.

La realta’ e’ che tutto il benessere di cui ci siamo voluti circondare ci ha fatto allontanare dal senso della vita.
La vita non e’ stare sempre bene, cosi’ come non e’ stare sempre male.

Quindi per evitare di stare male finiamo per non fare proprio nulla…morendo giorno dopo giorno…rinunciando a vivere…ecco di cosa abbiamo paura.
Di vivere la vita.
E siamo infelici.

Confondiamo la sofferenza all’infelicita’.

Dunque per paura di soffrire, non rischiamo piu’ nulla, e allora rimaniamo impantanati sempre di piu’ nel grigiore delle nostre vite.
E piu’ la nostra vita diventa piatta, piu’ ci lamentiamo…e piu’ ci lamentiamo piu’ siamo infelici.
E quando saremo in punto di morte cosa diremo a noi stessi ?

Ah gia’…la morte…ci fa paura solo a nominarla…e infatti rinunciamo a vivere…che razza di assurdita.
Per non pensare alla morte , preferiamo morire lentamente ogni giorno…bella roba…
Come se avessimo un’altra chance , una seconda vita per fare quello che non abbiamo fatto nella prima vita..

Io non dico di vivere alla giornata.
La testa esiste per essere usata, per pianificare per pensare a come risolvere i problemi, ma non si puo’ continuare a rimanere immobili come i sassi solo per paura di soffrire.

E soffrire, non significa essere infelici.
Tant’e’ vero che capita sempre piu’ spesso che si tolgono la vita proprio coloro che non soffrono , in quanto hanno davvero tutto per stare bene (penso ai VIP, alle persone ricche economicamente, ai giovani di buona famiglia)

Ecco che l’equazione vita agiata = felicita’ non sta in piedi, altrimenti basterebbe avere la villa e il suv e abbiamo risolto.

Dunque la felicita’ possiamo trovarla solo dentro di noi.
Fortunatamente dentro rimaniamo comunque e sempre degli ‘animali’ e il nostro istinto non possiamo modificarlo…meno male…con tutte le diavolerie che si inventa l’uomo per modificare se stesso (manipolazioni genetiche , chirurgia plastica ecc)

Pero’ continuiamo a mettere la testa sotto la sabbia, andando contro il nostro istinto, evitando le nostre paure…
Non avremo pace finche’ non le capiamo e non le affrontiamo.

gli ostacoli del cuore

C’e’ un principio di magia
Fra gli ostacoli del cuore
Che si attacca volentieri
Fra una sera che non muore
E una notte da scartare
Come un pacco di natale

C’e’ un principio d’ironia
Nel tenere coccolati
I pensieri piu¹ segreti
E trovarli giu’ svelati
E a parlare ero io
Sono io che li ho prestati

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme

nessuno ti regala niente…

Tempo fa avevo cambiato gestore per la fornitura del GAS nella mia abitazione.
Avevo cambiato perche’ la tariffa era piu’ economica.

L’altro giorno mi sono visto recapitare una bolletta che faceva il conto sui metri cubi (presunti !!) consumati in 12 mesi , dunque frutto di calcoli loro.
Da questo conto venivano poi sottratti gli importi delle bollette pagate negli ultimi 12 mesi.
Domanda : visto che le letture sono presunte, se ci sono errori ?
Beh, verra’ adeguato il tutto sulla prossima bolletta , dandomi un eventuale assegno se si sono sbagliati per eccesso.

Tutto cio’ sono venuto a saperlo dopo che ho contattato il servizio clienti per avere delle spiegazioni.
Quindi per loro e’ tutto normale.

Ma mandare fuori un omino a fare la lettura del contatore ? no eh ?
La cosa piu’ semplice sarebbe vedere quanto ho consumato in un trimestre e addebitarmi il relativo importo.
E’ chiaro che per loro mandare fuori una persona e’ un costo.
Invece e’ meglio (per loro !) fare le cose ‘a spanne’ chiedendo acconti ai clienti, tanto se poi sbagliano, rimediano in seguito.
Quindi magia magia…fanno una tariffa inferiore al mercato perche’ risparmiano sugli omini che fanno le letture..
Percio’ chiedono in anticipo i soldi ai clienti che si devono ‘fidare’ del fatto che in caso di errore gli verra’ restituita la differenza…

Detta in soldoni
(rullo di tamburi….) i fornitori di energia girano i loro costi ai clienti !

Applausi.

Mi sembrava strano che ci fosse un fornitore che riuscisse a fare un prezzo inferiore…
Gli altri erano fessi ?

No, i fessi siamo noi che crediamo alla pubblicita’, che ‘evviva il libero mercato’, che ‘il mercato si regola da solo’, la libera concorrenza fa bene, blablabla.

Ci dimentichiamo che gli uomini sono imperfetti e che non riusciranno mai ad applicare le teorie keynesiane…perche’ la teoria va bene quando l’uomo e’ puro…
Chi e’ il fesso che e’ disposto a smenarci dei soldi in nome del mercato ?

A nessuno piace perdere….

Signori, la maggior parte dei tizi che stanno dietro tutto cio’ , assomigliano molto a questo qui :

(Michael Douglas in ‘Wall Street’)

Mettiamoci l’anima in pace.
Amen :-)

abitudini

La domenica pomeriggio e’ bello fare delle cose per noi stessi e per il miglioramento della nostra vita , uscire dai binari dell’abitudine per esplorare nuove possibilita’, mentre sono tutti all’ikea o in qualche altro centro commerciale.

Questo e’ cio’ che intendo quando parlo di liberta’.
Questa e’ stata la mia domenica ieri.

Se c’e’ un’abitudine che voglio prendere, e’ quella di sentirmi sempre libero. :-)

Obbiettivi e ostacoli

Nel casino di ieri sono riuscito a sciogliere parecchi nodi, nonostante il mal di testa asfissiante
E’ importante non perdere la bussola quando c’e’ la tempesta.

Ho comprato finalmente il libro.
Potevo farlo molte settimane fa…ma rimandavo sempre.
L’ho fatto ieri proprio quando non ce la facevo piu’.

Tra l’altro era una bella giornata di sole e mi ha pure fatto bene uscire di pomeriggio presto.

A volte mi rendo contro che le persone non riescono a stare dietro al mio passo.
Forse questo accade perche’ penso talmente veloce e talmente tante cose, che non riesco a trasmettere tutto all’esterno, percio’ succede che quando racconto il riassunto di tutte le mie riflessioni, mi guardano come se fossi un alieno :)

Pero’ penso che con un po’ di pazienza riesco a farli abituare alle mie idee.
Non bisogna farsi condizionare dagli altri.
Se si hanno delle idee e’ giusto non porsi limiti di realizzazione.
Ed e’ altrettanto importante accettare le cose che non possono essere cambiate.
Quindi : nessun limite mentale + avere la forza di accettare cio’ che non puo’ essere cambiato.

Bisogna accettare l’eventualita’ che qualcuno puo’ essere in disaccordo con noi o addirittura ostacolarci.
Se troviamo una montagna di fronte al percorso che vorremmo intraprendere, bisogna accettare il fatto che non possiamo spostarla.
A volte vediamo l’obbiettivo giusto dietro la montagna , e quindi vorremmo spostare subito la montagna perche’ l’obbiettivo sarebbe dietro l’angolo se solo la montagna si levasse fuori dai piedi !
Succede che perdiamo tempo a voler spostare la montagna , ma sprechiamo energie inutili e la distanza dal target rimane sempre la stessa…anche se e’ li’ dietro l’angolo.
Se allarghiamo la mente ed espandiamo altre strade ci possiamo rendere conto che fare passi piu’ piccoli in direzioni alternative puo’ avvicinarci molto di piu’ alla meta.

Dunque possiamo aggirare la montagna , cambiare percorso e arrivare ugualmente alla meta che ci siamo prefissati !
L’importante e’ avere pazienza e non farsi prendere dalla frenesia, perche’ abbiamo piu’ tempo di quanto crediamo.

;-)

 

oggetti e sentimenti

Penso che tutte le cose intorno a noi , gli oggetti , l’ambiente, il lavoro, ecc, perdono valore quando ci sono di mezzo i sentimenti.

Persino una bellissima giornata di sole puo’ valere moltissimo come puo’ non valere nulla, quando il cuore ci sta battendo forte…